Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali

Galatone (Le) – 27 settembre 2018 – Palazzo Marchesale – “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali” – Incontro pubblico propedeutico alla presentazione della proposta progettuale relativa al bando “attrattori turistici” della Regione Puglia – Interventi di Flavio Filoni (Sindaco di Galatone ), Biagio Gatto (Assessore ai Lavori Pubblici) e Antonio Chiga (Dirigente Cultura e Turismo) – Video di Mauro Longo

MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

L’Agenzia Regionale del Turismo #PugliaPromozione ha pubblicato i dati sui flussi turistici del nostro Comune.
Grande orgoglio per gli ottimi risultati: si registra un incremento di arrivi e presenze nel nostro territorio dal 2014 sino ad oggi di +6.381 turisti, italiani e stranieri. Lo straordinario boom è del 2017 con oltre 10 mila persone che hanno soggiornato e visitato la nostra Città.

La forte crescita e il merito di questi straordinari risultati indubbiamente sono da attribuire alla ricchezza e bellezza del nostro patrimonio culturale ed ambientale.

Ringraziamo anche tutti gli operatori turistici, le strutture ricettive e i ristoratori galatonesi che hanno promosso il nostro territorio, donando ospitalità e accoglienza a tutti i turisti.

Questi dati devono essere un punto di partenza per fare sempre meglio, per investire e promuovere progetti di valorizzazione del territorio, per rendere la nostra comunità centro di sviluppo e crescita dell’intero Salento.

Il Sindaco 
Flavio Filoni

Fiera del turismo e del tempo libero di San Gallo (CH) – Conferenza Stampa

Galatone (Le) – 19 dicembre 2016 – Associazione Pro Loco – Conferenza Stampa “Fiera del turismo e del tempo libero di San Gallo”(CH) – Interventi di Donato Manisco (Vicepresidente Pro Loco), Alessandro Inguscio (Segretario Pro Loco), Livio Nisi (Sindaco di Galatone) e Massimo Pillera (UDIS CH) – Video di Mauro Longo

 

20/22 Gennaio 2017 – Fiera del turismo e del tempo libero di San Gallo (CH)

 

L’Associazione Pro Loco, nell’ambito delle proprie prerogative di promozione del territorio, divenute prioritarie nel quadro delle iniziative intraprese, transitanti dal potenziamento dell’ufficio d’informazione turistica, dalle indagini di mercato e da una serie di iniziative che vanno in quella direzione, sta organizzando la partecipazione alla “Fiera del turismo e tempo libero di San Gallo” in Svizzera dal 20 al 22 gennaio 2017 denominata “Grenzenlos”.

I flussi turistici della vicina Svizzera all’Italia, intensificatisi in questi ultimi anni, le nostre ricchezze artistiche architettoniche insieme alle nostre tipicità, rappresentano un fattore attrattivo importante.

L’associazione, per questa iniziativa, si avvarrà del Patrocinio, della collaborazione  dell’Amministrazione Comunale di Galatone e del sostegno di alcune aziende locali nei settori produttivi e dell’accoglienza che, ancora una volta riconoscono nella operatività della Pro Loco un riferimento importante che ci onora.

L’iniziativa è stata resa possibile altresì dalla collaborazione attivatasi con la “UDIS CH”, l’Associazione degli italo-svizzeri nel mondo, rappresentata in Puglia dal tranese Dott. Massimo Pillera. L’UDIS sosterrà l’intera organizzazione a livello di contatti e di pubblicizzazione dell’evento in territorio svizzero.

Questa esperienza si avvarrà inoltre del Patrocinio di GAL Terre d’Arneo, PugliaPromozione e del Consorzio Puglia DOC.

Inoltre, queste sono le aziende che hanno sostenuto l’iniziativa: Tenute Vini Gabellone (Nardò), Panetteria Pasticceria Bove (Galatone), Gioia Coffee Drink and Restaurant (Galatone), Ekalò (Martano), Dimora Moresca (Galatone), Nuova Colì s.r.l. (Cutrofiano), Cantina Sociale Nardò, Masseria Doganieri (Galatone), Agricola Galatea 1931 (Galatone), Fifla Agenzia Viaggi (Galatone).

Rappresenteranno la città di Galatone il sindaco Livio Nisi e l’ass. Sondra dall’Oco, la  Pro loco sarà rappresentata da il vicepresidente Donato Manisco, il segretario Alessandro Inguscio, i consiglieri Federica Pano, Luigi Marcuccio e Cosimo Pisanelli, è prevista infine la presenza della sig.ra Paola Meledoro (Dimora Moresca), Marco Gabellone (Tenute vini Gabellone), Donato Bruno (Cantina sociale Nardò).

Sono previsti incontri a livello istituzionale ed associativo a San Gallo e a Zurigo.

E’ l’ora? – La Postilla n. 201

LA POSTILLA N. 201

E’ l’ora?

Non c’è progresso senza errori o incertezze o false partenze. Soprattutto quando è pretenziosa l’idea e complicato il mondo che gira intorno. Si può cadere vittima della paura di osare, di non sentirsi all’altezza del compito, di considerare non del tutto maturi i tempi. Si può, infine, risultare semplicemente sfortunati per una serie di circostanze non favorevoli che mettono a dura prova fede e buoni propositi, col rischio di scivolare verso minimalismi o restare schiavi di prudenti rinvii, dubbi, ripensamenti. Tutto questo probabilmente è stato nella politica cittadina degli ultimi due anni, non sempre chiara e coerente, a volte persino incomprensibile fino a lasciare il dubbio che si fosse smarrita la linea di quel progetto costruito intorno ai punti cardine più volte ripetuti e memorizzati: famiglia, lavoro, cultura, ambiente, turismo. Le questioni ambientali, soprattutto, hanno generato i problemi e gli imbarazzi, mettendo a dura prova la credibilità del percorso che proprio sulla ricchezza del territorio radicava le principali prospettive di sviluppo. Per quanto mi riguarda, avevo creduto subito nel programma, che sentivo mio, congruo e razionale e preciso nell’indicazione degli steps: pulizia e decoro del territorio – recupero dei beni artistici e culturali – coinvolgimento della socialità – valorizzazione delle risorse personali. Un’idea di sviluppo centrata sulla Cultura e sulla Bellezza, due forze caratterizzanti e diffuse nel nostro territorio e nell’intero Salento. Una scelta, dunque ben fatta e fondata su basi concrete. Le certezze, però, sembrarono venir meno nella calda mattinata di maggio quando andò in scena, dinanzi a un’immensa folla sempre più perplessa, la sceneggiata di una falsa democrazia, che tradiva insipienza, velleitarismo, mancanza di determinazione. Giorni lontani, forse superati, probabilmente la punta dell’eiceberg di un periodo di disorientamento e confusione. La linea di displuvio verso un cammino che appare diverso, il recupero dell’idea originaria, la ripresa del viaggio verso la Città del Galateo. Eventi promozionali dell’immagine della città, un provvidenziale intervento sulla provinciale per Nardò a tutela della sicurezza degli automobilisti, recupero dei beni artistici e culturali, un piano già avviato per la messa a punto degli edifici scolastici e di palazzi di pregio. “In continuità con gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale – scrive il sindaco – si intende rendere definitivamente attivi e fruibili il Palazzo marchesale Belmonte-Pignatelli, Palazzo Lercari, l’ex cinema Minerva, il frantoio ipogeo di Piazza San Sebastiano, Lab83 e in futuro il Castello di Fulcignano”. Parole confortanti, certamente, rese ancora più significative dall’espresso convincimento di ritenere “indispensabile la partecipazione attiva di tutte le associazioni presenti sul territorio.” L’idea di un “pensatoio” e una prima convention che ha già suscitato polemiche perché preclusa, si dice, alle opposizioni; a breve una seconda, aperta a tutte le associazioni. E a latere l’idea di una fondazione di partecipazione che consegni alla socialità la promozione e la gestione dei beni culturali. E’ l’ora? Spero proprio di sì, perché si torna a vedere il percorso e si ha l’impressione che ci si muova nella giusta direzione, anche se sulla positività degli esiti non è facile scommettere. Le difficoltà sono dietro l’angolo e il nemico già in agguato, pronto a colpire con tutto l’armamentario di contrasti e di distinguo, di teorie personali e di eccezioni, di puntualizzazioni. Di tutto quanto possa risultare utile per ritardare, stancare, far cambiare idea. Forse andrà come al solito o forse accadrà il miracolo. Quel che è certo è che questa volta non sarà consentito scaricare sugli altri le reponsabilità. Meriti o colpe saranno di tutti e soprattutto della cittadinanza, chiamata a raccogliere la responsabilità di un grande progetto. L’auspicio è che se ne comprenda l’importanza, che si abbia fede e determinazione, che ci si voglia impegnare a costruire un mondo diverso per le giovani generazioni. Che il legame per le tradizioni, la storia, la cultura, le bellezze abbiano la meglio su ogni altra considerazione.

 Enrico Longo

Una proposta decente – La Postilla n. 199

LA POSTILLA N. 199

Una proposta decente

Si è concluso il percorso “Quattro passi nella Città del Galateo”. Un viaggio nella vita politica e sociale della Città, a raccogliere umori e propositi, critiche e progetti, in una realtà mai così travagliata e problematica. I partiti, non più monadi leibniziane, hanno porte e finestre spalancate; vivi e vegeti, si mostrano finalmente disposti alla concretezza e a discutere di problemi reali; la maggioranza consiliare, secondo copione, è sotto il costante fuoco concentrico degli oppositori che nella diuturna opera di demolizione trovano le ragioni di una sorprendente, e per tanti versi, positiva convergenza. Il sindaco, naturalmente, è il bersaglio privilegiato: festaiolo, presentista, poco attento ai problemi sociali e alla solidarietà. Il problema ambientale, poi, per le note questioni della Centrale a biomasse, per la nave transoceanica carica di rifiuti, per la discarica sempre più mega e per le balle, reali e non supposte, si è coperto dell’effetto alone, oscurando o mettendo in secondo o terzo piano ogni altro capo d’accusa. Giunta festaiola? Diciamo che le feste non sono semplice edonismo o svago, ma anche bancarelle, mercatini, negozi illuminati e dunque gente, visitatori, lavoro, turismo. La tanto bersagliata “Notte glamour”, promossa e coordinata magistralmente dall’assessore Antico, ci ha portato sulle pagine del celebre fashion magazine francese “Rendez Vous de la Mode” e quindi sulle piazze di New York, Londra, Milano, Parigi. Ha portato alla ribalta una pletora di amanti della fotografia che nella nostra città sembrano quasi costituire una classe di artisti, ma soprattutto ha esaltato, sull’ampia e prestigiosa platea, l’arte sublime e originale di Tommaso Filieri e Nadia Musco che ormai travalica i confini dei nostri territori. Oggi abbiamo ulteriore conferma del “genio galateo” sempre più radicato e diffuso, sul quale probabilmente poter contare nell’auspicato riscatto economico e sociale. Presentismo? Meglio che assenteismo direi: un sindaco visibile, vicino, col quale poter liberamente parlare è senza dubbio preferibile a chi, ostentando potenza e arroganza, se ne resti chiuso nel palazzo, irraggiungibile. E per quanto riguarda la solidarietà sociale, debbo dire che mi sono imbattuto, nel corso delle interviste, in un assessorato dove essa è perseguita con particolare sensibilità e significative aperture alla collaborazione. Certo, è sempre possibile fare di più e fare meglio, ma non è facile far fronte alle tante necessità della popolazione in un periodo così difficile come quello che stiamo vivendo. Il protagonismo delle associazioni, la rete sociale, la giusta ribalta che viene concessa a personaggi capaci di cambiare la stessa immagine della città, sono cose che non possono sfuggire all’occhio di chi guardi a fondo e con obiettività. Sulla questione ambientale, invece, le cose stanno diversamente e forse il sindaco ha qualcosa da rimproverarsi. La centrale l’ha solo ereditata, è vero, ma ciò non lo assolve del tutto; la discarica se l’è vista crescere sotto gli occhi quasi per magia; le balle sono arrivate per decisioni che non l’avrebbero visto coinvolto. Grave, inoltre, aver sottovalutato il problema delle acque, inquinate nei comuni limitrofi e stranamente pure e cristalline da noi, almeno secondo quanto risulta dalle velocissime rassicurazioni dell’AQP, intervenute dopo solo due giorni dalla richiesta. Un cambio di passo, dunque, s’impone per la questione dell’ambiente, che lo faccia uscire dalle secche di una polemica defatigante e sterile, che si esaurisce in accuse e difese d’ufficio, in un contesto di netta contrapposizione, quasi che il problema ambientale abbia una qualche coloritura politica. E a giudicare dalle presenze e dalle assenze alle manifestazioni e ai convegni si ha il sospetto che una parte del paese si senta immune dai pericoli di un ambiente inquinato. Sarebbero certamente utili i confronti pubblici, più volte richiesti dai partiti d’opposizione e dal Comitato per l’ambiente e la salute, quanto meno per verificare le opposte tesi e cercare possibili punti d’incontro. E a tal proposito non capisco perché si è così restii ad accogliere gli inviti e si cerchino tutti i pretesti per potersene sottrarre. Ma forse si dovrebbe andare anche oltre ai confronti dialettici, pensare a organismi stabili di confronto e approfondimento, sdoppiare l’assessorato come oggi strutturato, magari assegnando all’attuale titolare “spettacolo e turismo” e l’assessorato “ambiente e territorio” a persona particolarmente competente e vocata per le questioni ambientali, un assessore tecnico da ricercare anche al di fuori della maggioranza o dell’appartenenza a un partito politico. E mentre dico questo, ho chiaro in mente un nome, che rappresenterebbe certamente la soluzione ideale per dare rigore e slancio alle politiche del settore. Debbo dire che mi hanno favorevolmente colpito, nel corso dell’intervista a lui dedicata, le espressioni di autocritica del sindaco di non aver sufficientemente informato e coinvolto la cittadinanza in alcune occasioni, così come l’auspicio, più volte reiterato in questi ultimi giorni, di una diversa relazione tra i partiti, non più conflittuale e distruttiva, ma caratterizzata da intese e impegno comune. Bene, è questa la via maestra per l’auspicato cambio di passo, una scelta strategica di responsabilità e di impegno democratico. Occorre anzitutto riconoscere alla cittadinanza il diritto all’informazione e la facoltà di incidere nelle scelte decisionali. Il problema ambientale, e quello del diritto alla salute che ormai è purtroppo ad esso collegato, non può restare esclusività del Consiglio o della Giunta. Le migliaia di persone in piazza, nei convegni, all’interno dei comitati sono la più chiara testimonianza di come esso sia profondamente presente nella sensibilità generale. Se ne faccia dunque una questione sociale, si creino le relative strutture di partecipazione. Si dia vita a un comitato trasversale costituito da rappresentanti di tutte le forze politiche, anche non presenti in Consiglio, da esponenti dei Comitati e da cittadini competenti e interessati. Un Comitato ufficiale, riconosciuto e raccordato con l’assessorato, che eserciti regolari funzioni di analisi, di studio, di comunicazione sociale, che nei confronti della Giunta e del Consiglio esprima pareri obbligatori, anche se non vincolanti. Un comitato che si adoperi per rendere provinciale, regionale e nazionale la questione ambientale, che collabori con tutte le amministrazioni cittadine della provincia, con le associazioni e i comitati e che faccia sentire la sua presenza dinanzi alle continue minacce dei gasdotti e delle trivelle. Una forma di democrazia partecipata, nulla di rivoluzionario o di utopistico. Si tratta di coinvolgere, di restituire sovranità al cittadino, di riconoscergli il diritto di esser parte attiva e responsabile in questioni che lo toccano da vicino. Non so quale attenzione sarà rivolta a questa mia proposta, sono certo comunque che sarebbe una svolta decisiva nella politica cittadina e un importante tassello sulla strada di quella città ordinata e responsabile che certamente fa parte di ogni illuminato programma politico. Una proposta decente in fondo, l’invito a far prevalere di contro all’ostinata ricerca dei motivi di contrapposizione e di dissenso le ragioni della collaborazione e del bene comune. In perfetta sintonia con il clima della festa che ci accingiamo a vivere. Auguri, amici della Postilla, di serenità e di pace. Buon Natale, Felice Anno nuovo e arrivederci a presto!

Enrico Longo

Il Portavoce incontra il Sindaco Livio Nisi

Galatone (Le) – 9 dicembre 2014 – “QUATTRO PASSI NELLA CITTA’ DEL GALATEO” – “Il Portavoce” n.11: Enrico Longo incontra Livio Nisi, sindaco di Galatone (Le) – Video di Mauro Longo

Il Portavoce incontra il Sindaco Livio Nisi - Ph. Vanessa Chirivì

Il Portavoce incontra il Sindaco Livio Nisi – Ph. Vanessa Chirivì

Il Portavoce incontra il Sindaco Livio Nisi – Ph. Vanessa Chirivì