La Città del Galateo

LA CITTA’ DEL GALATEO

Testo di Enrico Longo

Musica di Luigi Mariano

Arrangiamenti di Alessandro Zuccaro

Riprese e montaggio video di Michele Mariano

____________________________________________________________________________________________

“Nell’ormai lontano 2009, quasi a dare voce e vigore a un progetto di rinascita per la nostra città, scrissi i versi de “La Città del Galateo” che furono poi musicati da Luigi Mariano. Ne uscì un inno alle bellezze naturali, storiche e artistiche della Città, che, ad ascoltarlo, riaccende il sentimento di appartenenza e di solidarietà tra tutti noi che di essa siamo parte. Non appare dunque banale, nel difficile momento che stiamo affrontando, di riascoltarlo, magari unendoci tutti in un canto d’amore e di speranza.”

Enrico Longo


 

LA CITTA’ DEL GALATEO  

                       I

  T’ho conosciuta solo in cartolina

   e ti lasciai più di trent’ anni fa,

   io non capivo ma quella mattina

   vidi financo piangere papà.

   Oggi da te ritorno finalmente,

   cammino per le tue stradine strette

   e mentre guardo tutt’intorno in mente

   le sue parole mi ritornan nette.

                Una città ch’è fatta da un artista

                di bellezze e di arte essa è un museo

                un’immagine splendida alla vista

                Galatone, Città del Galateo!

                      II

Scoprine in tutti gli angoli il decoro,

fermati poi a parlare con la gente

ricordale: possiede un gran tesoro

mentre talvolta pensa d’aver niente.

Entra nei vicoletti, nei cortili,

ammirane i ricami sui balconi,

conserva nella mente quei monili

che lasciano nel cuor tante emozioni.

                Una città ch’è fatta da un artista

                di bellezze e di arte essa è un museo

                un’immagine splendida alla vista

                Galatone, Città del Galateo!

                  III

Corri a rivisitare Fulcignano

e alle sue pietre cupe e abbandonate

prometti che in un tempo non lontano

ritorneranno come sono nate.

Scendi tra i suoi frantoi, respira il tempo

della fatica e del lavoro umano,

corri al castello ammirane contento

arte ed ingegno della nostra mano.

                      IV

Fermati a rimirare il nostro Santo

che verso la città alza la mano,

che segue con timore o con incanto

quanto si dice giù, al San Sebastiano.

Poi sali lentamente alla chiesetta

su per la via che porta ai Cappuccini,

godi dell’aria pura che vien netta

dal salir della strada e dai giardini.

              Una città ch’è fatta da un artista

              di bellezze e di arte essa è un museo

               un’immagine splendida alla vista

               Galatone, Città del Galateo!

                        V

Godi del mare azzurro e dei boschetti,

delle campagne verdi e tanto amate,

assaggia di quei frutti benedetti,

di quelle cose mai dimenticate.

Alle sue chiese dedica ogni cura,

La Grazia la Matrice e il Crocifisso

del bene per la gente abbi premura

tienilo nella mente sempre fisso.

                        VI

E al tuo ritorno fammi poi sapere

se tutto quanto sogno s’è avverato,

se la sua gente vuole ancora bene

a quelle cose che ho sempre sognato.

A tutti raccomanda d’inseguire

il sogno di vederla rinnovata

questa città che non può più soffrire

per essere da noi dimenticata.

          Una città ch’è fatta da un artista

          di bellezze e di arte essa è un museo

          un’immagine splendida alla vista

          Galatone, Città del Galateo!

Enrico Longo       2009

Ce la faremo

 

Dedicata a tutti i bambini

 

🎶 CE LA FAREMO 🎶

 

Testo di Enrico Longo

Musica di Mauro Longo e Dario Perrone

Voce: Sara Longo

Flauto Dolce: Carola Longo

Pianoforte: Luca Vaglio

Basso: Dario Perrone

Ukulele tenore: Mauro Longo

______________

Testo

La mia casa è tanto grande,

com’è grande il mio cuore,

c’è posto per i giochi,

lo studio, per l’amore.

Ci sono mille angoli

dove vi ho sistemato

tutte le cose belle

che il cielo m’ha donato.

Io resto a casa

intorno ha un forte muro oh oh

contro il coronavirus

il posto più sicuro.

Restiamo tutti a casa,

tendiamoci la mano,

un bacio, un grande abbraccio

per ora da lontano,

lottiamo tutti uniti

e presto lo diremo

con forza e tanta gioia:

NOI CE LA FAREMO

Io resto a casa

intorno ha un forte muro oh oh

contro il coronavirus

il posto più sicuro