Incontro informativo sul nuovo servizio di Raccolta Differenziata porta a porta

Galatone (Le) – 11 dicembre 2018 – Palazzo Marchesale – Incontro informativo sul nuovo servizio di Raccolta Differenziata porta a porta – Interventi di Flavio Filoni (Sindaco di Galatone) e di Fernando De Santis (Referente Aziendale Bianco Igiene Ambientale S.r.l.) – Video di Mauro Longo

“ECOLOGIA, ECONOMIA E BENE COMUNE” – Conferenza

Immagine

“ECOLOGIA, ECONOMIA E BENE COMUNE”  - Conferenza

Lecce, 12 maggio 2014.
“ECOLOGIA, ECONOMIA E BENE COMUNE” : IL 14 CONFERENZA-DIBATTITO A “VALORI E RINNOVAMENTO”. PARLERA’ L’ALTO MAGISTRATO DOTT. MARIO FIORELLA. DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE WOJTEK PANKIEWICZ : “Un brand salentino per la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico e paesaggistico”.

Ho il piacere di comunicare che
MERCOLEDI’ 14 MAGGIO, ALLE ORE 18,30
PRESSO LA SALA CONFERENZE DEL CENTRO CULTURALE “ALESSANDRA DANCE”, SITO A LECCE NEL VILLINO IN VIA CASOTTI 20/C, NEL RIONE SAN LAZZARO, “Valori e Rinnovamento” con la collaborazione del predetto Centro Culturale ha organizzato un’ importante conferenza-dibattito
IL MAGISTRATO, DOTT. MARIO FIORELLA, PRESIDENTE VICARIO DELLA CORTE D’APPELLO DI LECCE, parlerà sul tema : “ECOLOGIA, ECONOMIA E BENE COMUNE”, seguirà il dibattito.
Le nobili parole pronunciate dal dott. Fiorella in occasione del suo discorso tenuto il 25 gennaio scorso per l’inaugurazione dell’Anno Giudiziario, con particolare riferimento anche all’emergenza ambientale, hanno riscosso unanime consenso, condivisione e ammirazione. Gli siamo riconoscenti per aver accettato il nostro invito.
“Ecologia” ed “Economia” sono parole che hanno la stessa radice, “eco”, dal greco, che sta ad indicare la casa, il territorio, la comunità. L’ economia è una parola inventata dai filosofi greci per studiare ed indicare le regole, le leggi, in greco nomos appunto, alla base degli scambi umani nell’ambito di una casa, di una comunità. A partire dall’ Ottocento, il termine economia è stato impiegato per indicare i rapporti regolati dallo scambio del denaro. La parola ecologia, inventata dallo studioso tedesco Ernst Haeckel, indica lo studio, la conoscenza, logos appunto, di quanto avviene in una casa, intesa nel senso di ambiente naturale, che è la grande casa in cui tutti noi viventi svolgiamo le nostre funzioni di nascita, crescita, declino e morte, usando e trasformando le risorse naturali come l’acqua, l’aria, il suolo. Troppo spesso, purtroppo, l’aumento economico della produzione di beni materiali danneggia le risorse e i beni ecologici della Terra, fino al punto di compromettere la vita, il cui benessere, invece, è proprio il fine delle attività economiche.
Noi di “Valori e Rinnovamento” riteniamo possibile uno sviluppo pacifico e sostenibile, che rispetti l’ambiente e il benessere delle persone. Perciò, difendiamo a spada tratta il nostro meraviglioso Salento, dove dissennati interventi hanno causato l’aumento dimostrato dalle statistiche delle malattie tumorali e respiratorie, da chi non rispetta la naturale vocazione della nostra economia che è, innanzitutto, paesaggio, bellezze naturali, arte, storia, cultura e bellezza. E, per questo, riteniamo fondamentale la creazione di un BRAND salentino sul modello del fortunato MARCHIO francese Val de Loire che tuteli sia il nostro patrimonio artistico, sia quello paesaggistico.

IL PRESIDENTE
Prof. Wojtek Pankiewicz

Pankiewicz, presidente di “Valori e Rinnovamento” ”Lido Esercito di San Cataldo, un pugno nell’occhio che non può essere sopportato ulteriormente”. Appello all’Autorità Militare e ai sindaci di Lecce e Vernole.

Immagine

Pankiewicz, presidente di “Valori e Rinnovamento” ”Lido Esercito di San Cataldo, un pugno nell’occhio che non può essere sopportato ulteriormente”. Appello all’Autorità Militare e ai sindaci di Lecce e Vernole.

Lecce, 7 aprile 2014.

Oggetto : Pankiewicz, presidente di “Valori e Rinnovamento” :”Lido Esercito di San Cataldo, un pugno nell’occhio che non può essere sopportato ulteriormente”. Appello all’Autorità Militare e ai sindaci di Lecce e Vernole.

Dopo due anni il Lido Esercito di San Cataldo, un bellissimo tratto di spiaggia sabbiosa continua a versare in uno stato di degrado e di totale abbandono. E’ un vero e proprio pugno nell’occhio che non può essere sopportato ulteriormente. Parliamo tanto di “Bellezza” ed è inconcepibile che certe situazioni, che costituiscono un vero e proprio scempio del territorio si trascinino per tanto tempo.
La stagione balneare è ormai imminente, occorre uscire da questo immobilismo. Invitiamo, perciò, l’Autorità Militare ed i sindaci di Lecce e Vernole ad attivarsi affinchè:
1) si risani, si recuperi e si rilanci subito la struttura del Lido, oggi ridotta a un rudere, affidandolo, se non interessa più ai militari, a un imprenditore, oppure a una cooperativa di disoccupati.
2) Si demolisca trasformandolo in spiaggia libera.
Si tenga presente che all’interno del Lido c’è un vastissimo parcheggio di 80/100 posti auto, che potrebbe essere messo a disposizione dei cittadini in un luogo come quello dove ci sono soltanto le strisce blu dei parcheggi a pagamento.
Restituiamo ai leccesi e ai turisti un bellissimo tratto di costa.

Il Presidente
Prof. Wojtek Pankiewicz