A teatro con Sofocle

A teatro con Sofocle

“A teatro con Sofocle” di Benedetta Perrone

“Non dire felice uomo mortale, prima che abbia varcato il termine della vita senza aver patito dolore”.
Questa l’esortazione di Sofocle nell’epilogo della sua tragedia “Edipo re”, messa in scena sabato 28 aprile nel Palazzo Baronale di Collepasso dalla cooperativa “Poiefolà” .  Colonne sonore suggestive , effetti speciali, scenografia e costumi d’effetto hanno fatto da cornice ad una rappresentazione teatrale  ispirata alla tradizione tragica greca e rivisitata in chiave verace, appassionata  e , al contempo, fedele al suo autore.  Il cast è diretto da un giovane regista, Roberto Treglia, anch’egli attore nel ruolo del protagonista “Edipo”.
Il  dramma di Edipo, figlio e amante di sua madre, fratello e padre dei suoi figli ,  figlio e assassino di suo padre è interpretato in maniera sapiente e ben riuscita.
La recitazione di alcune parti in metro in lingua originale e la sceneggiatura estremamente verosimile e coinvolgente hanno esaltato la bellezza del teatro greco.
La regia ha rappresentato la tragedia sofoclea  con un’atmosfera volutamente tetra e  cupa, più di quanto non lo sia già di per sè la vicenda di Edipo . Forse, la messa in scena con un taglio dark ed il connubio tra mito e mistero  sono il “quid” che coinvolge non solo i classicisti esperti o gli intenditori , ma anche gli studenti del liceo classico che come me hanno conosciuto Sofocle sulle pagine dei libri senza goderne appieno la magia.
Assistere sabato 28 aprile alla rappresentazione della tragedia è stato per tutti noi studenti del liceo classico “G.Galilei ” di Nardò (classi V A, V B e IV A) un privilegio poichè ci ha fatto vivere la tragedia ed ci ha suscitato emozioni vibranti.

Benedetta Perrone

Mobilturi Day Salento

Santa Maria al Bagno (Nardò) – 28 e 29 aprile 2018 – Grand Hotel Riviera – Mobilturi Day Salento in collaborazione con Electolux, Candy, Beko, Hotpoint e Ariston – Primo Meeting Sud Puglia organizzato da Cesare Filograna (Rappresentante Provincia di Lecce) – Gruppo MOBILTURI: Vito Turi (Direttore Generale), Dino Turi (Responsabile Ufficio Tecnico), Giuseppe Turi (Responsabile Acquisti) e Nicola Turi (Direttore Amministrativo) – Video di Mauro Longo

“Racchette di classe” con il Circolo Tennis “I Campetti” di Nardò

Racchette di classe

“Racchette di classe” con il Circolo Tennis “I Campetti” di Nardò

Come avvicinare i ragazzi ad uno degli sport più nobili e antichi del mondo? Il Circolo Tennis “I Campetti” di Nardò è sbarcato nelle scuole grazie al progetto “Racchette di classe”. Così, negli ultimi mesi, sono stati coinvolti i ragazzi delle classi terze, quarte e quinte degli istituti di scuola primaria neretini. Tutti con la racchetta in mano per uno sport che regala emozioni.

“Racchette di classe” si è concluso lo scorso 14 aprile, quando nel circolo di via Bonfante i ragazzi hanno partecipato ad una festa in compagnia dell’istruttore che ha curato il progetto, Donato Marrocco. Ad allietare il pomeriggio le simpatiche performance del mago Rocky Di Maggio.

“In questo modo – sottolinea lo stesso Marrocco – abbiamo cercato di sensibilizzare i ragazzi, già in tenera età, ad uno sport come il tennis capace di insegnare valori importanti sul piano umano. Il nostro circolo ha sempre avuto un occhio di riguardo nei confronti dei più giovani, prova ne è la partecipazione a diversi campionati riservati a ragazzi e ragazze”.

“L’Amministrazione comunale – afferma Antonio Tondo, consigliere comunale delegato allo Sport – ha accolto con favore tale progetto, apprezzando l’impegno e l’amore per il tennis del circolo neretino. Da parte mia, è stata una grande emozione ammirare lo scorso 14 aprile tanti giovani entusiasti di ritrovarsi per praticare attività sportiva. Un’iniziativa senz’altro da elogiare”.

 

Circolo Tennis “I Campetti” – Nardò

Allegoria e simbologia nel mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto

Nardò (Le) – 6 aprile 2018 – Aula Magna Seminario Diocesano – L’AICC di Nardò ha organizzato la conferenza “Allegoria e simbologia nel mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto” tenuta dalla prof.ssa Mariapia Carlucci – Nel video gli interventi di Alfredo Sanasi (Presidente AICC Nardò) e Mariapia Carlucci – Video di Mauro Longo

“Coding immersivo” – I. C. Polo 2 Nardò

Coding immersivo” - Polo 2 Nardò (2)

“Coding immersivo” – I. C. Polo 2 Nardò

Nardò – Martedì 20 marzo si è svolta la manifestazione “CODING IMMERSIVO LIVE” un evento digitale e interattivo di diffusione del pensiero computazionale, con la partecipazione straordinaria del Prof. Alessandro Bogliolo dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”.

L’.I.C. Grazia Deledda a Lecce ha accolto le classi della Scuola Primaria Polo 2 “Renata Fonte” di Via Bellini Nardò in un innovativo laboratorio digitale che ha coinvolto tutti i partecipanti in performance sul coding.

Il laboratorio interattivo intende promuovere l’acquisizione e la certificazione delle competenze di cittadinanza europea mediante linnovazione didattica e metodologica.  Spesso le famiglie vivono in contesti isolati con poche relazioni sociali e i loro figli trascorrono molto del loro tempo libero come soggetti passivi davanti ai numerosi device a loro disposizione.
In questo caso si ritiene che la scuola debba invece sviluppare nei ragazzi il pensiero creativo, lo spirito d’impresa, le competenze digitali e sociali utili alla costruzione di un nuovo futuro.

Un mix interattivo e vincente, se si pensa che in ogni parte del mondo team di volontari organizzano corsi e campus per divulgare il pensiero “computazionale” – questa nuova “scuola” che permette di migliorare la capacità di elaborare procedimenti costruttivi per creare generazioni di “utenti attivi” capaci di affrontare la società e le tecnologie del futuro. Steve Jobs diceva che “Tutti dovrebbero imparare a programmare un computer, perché ti insegna a pensare” . In ogni angolo del pianeta ne sono consapevoli, tanto che molte Istituzioni si mobilitano per diffondere il pensiero computazionale con iniziative. Anche in Italia, con l’ideazione del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) da cui è nata la “Buona Scuola” – che ha introdotto il tema delle “nuove alfabetizzazioni”: la capacità di sviluppare programmi per computer (coding) e l’uso del pensiero computazionale.

Coding immersivo” - Polo 2 Nardò

Coding immersivo” – I. C. Polo 2 Nardò

Dalle 9.00 alle 11.00  la partecipazione del Prof. Alessandro Bogliolo ha regalato un momento ricco di emozioni digitali all’insegna del coding per alunni e insegnanti. Un’occasione di incontro straordinario con uno dei principali divulgatori in Italia del coding. Un momento importante per le Istituzioni scolastiche salentine per il confronto e la possibilità di trarre spunto per iniziative e programmi nella didattica digitale.

Alessandro Bogliolo: classe 1968 ha conseguito laurea e dottorato di ricerca in Ingegneria elettronica e informatica all’Università di Bologna. Ha lavorato a Ferrara, Bologna, Stanford e oggi insegna all’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”. Fra i principali divulgatori in Italia del coding e del suo utilizzo nella didattica della scuola primaria e secondaria, svolge la sua attività anche sul web e i suoi interventi in webinar rimangono visibili su youtube con altissime visualizzazioni. Di recente è protagonista nelle “lezioni” in onda su RAI Scuola, che supportano la diffusione del Piano Nazionale Scuola Digitale. E’ in Italia l’attuale coordinatore europeo per l’iniziativa sulla diffusione del coding “Europe Code Week” della Commissione Europea. Ha coinvolto nelle attività di coding migliaia di alunni e docenti realizzando, come autore, il corso on-line CodeMOOC. A settembre 2016 ha pubblicato per la Giunti Editore “Coding in Your Classroom, Now! Il pensiero computazionale è per tutti, come la scuola”.

“School e Soccer”: vince il Professionale ma sorridono tutti

“School e Soccer” vince il Professionale ma sorridono tutti (2)

“School e Soccer” vince il Professionale ma sorridono tutti

Nardò ha riabbracciato un torneo fra le scuole. Lo scorso 11 marzo, presso il centro sportivo “Vacanze Serene”, si è disputato “School e Soccer”, in altre parole una domenica mattina dedicata al pallone e ai ragazzi. Un evento in cui hanno creduto con caparbietà Antonio Tondo e Tony De Paola, rispettivamente consigliere comunale delegato allo Sport e presidente della consulta dello Sport del Comune di Nardò. Ed è stato un successo: ben otto squadre ai nastri di partenza corrispondenti ad altrettanti istituti scolastici: Predators di Cristian Fioschi e Dello Team di Stefano Esposito (Istituto Tecnico Commerciale “E. Vanoni”), Jazzy City di Mattia Polo e Taurus di Gabriele Mazzeo (Professionale “N. Moccia”), Spartak Moscow di Gabriele Cuppone e Ultras Scientifico di Gianluca Dell’Anna (Liceo Scientifico “G. Galilei”), Real Classic di Gabriele De Paola (Liceo Classico “G. Galilei”) e I Mediani di Paolo Tuma (Liceo Scientifico “E. Medi” di Galatone).

In un torneo caratterizzato da uno spiccato senso di amicizia fra i ragazzi – lontani dall’apatia dei social e che hanno preso le distanze da fenomeni da condannare apertamente come quello del bullismo – ha prevalso Jazzy City: 3-2 in finale su Spartak Maniscow (in gol Eugenio Crisavola, Alex Mele e Mattia Polo per il Professionale; doppietta di Lorenzo Russo per lo Scientifico).

“School e Soccer” vince il Professionale ma sorridono tutti

Tra i premi individuali, il miglior giocatore è Lorenzo Lupo (I Mediani) e il riconoscimento come miglior portiere va a Fabio Cacciapaglia (Dello Team), entrambi neretini. Hanno arbitrato gli incontri i direttori di gara Antonio e Luigi Re, in una mattinata allietata dal deejay Matteo Filieri e dalla fotografa Chiara Ligorio.

“Una manifestazione bellissima – dichiara Tondo a margine dell’evento – che ha coinvolto tanti giovani e le rispettive famiglie. Come al solito lo sport fa rima con unione e condivisione, proponendosi come straordinario strumento sociale”. “Non vediamo l’ora di bissare l’evento nel 2019 – afferma invece De Paola – ma siamo già al lavoro per proporre un torneo rivolto ai giovani nei prossimi mesi. I sorrisi dei ragazzi a fine torneo rappresentano la nostra più bella gratificazione”.
Gli organizzatori hanno infine ringraziato Maurizio Fiorentino per il supporto, arbitri, fotografa, deejay e la sensibilità degli sponsor Iron Bike, Pizzeria “Sopra al Desideria”, Tabaccheria Romano e In viaggio con Momì.

Antonio Tondo

Consigliere Comunale con delega allo Sport

Tony De Paola

Presidente Consulta Comunale dello Sport

La Notte Nazionale del Liceo Classico 2018 – Nardò (Le)

Nardò (Le) – 12 gennaio 2018 – Liceo Classico “G. Galilei”La Notte Nazionale del Liceo Classico – Foto di Benedetta Perrone e Claudia Romanello – Video di Mauro Longo

LICEO CLASSICO OFFICINA CREATIVA DI TALENTI DI MENTE E DI CUORE

 Posti in piedi al Liceo Classico Galilei di Nardò, nella sede di via XX Settembre, per la Notte della Cultura, la Notte Nazionale che da quattro anni si celebra nei Licei Classici d’Italia. Serata in compagnia di docenti e studenti preparati ed appassionati  di … Omero, Euripide, Shakespeare, Leopardi, Bach, Michelangelo e molti altri. Letture drammatizzate di passi d’autore, esecuzioni al violino e pianoforte, ballate inglesi, riscrittura scherzosa ed originale del The Canterbury Tales di G.Chaucer nel The Liceo Tales. Interessante la parte dedicata al tema dei Classici, migranti nel tempo, da accogliere e preservare, con acuta attualizzazione. Affascinante la sfilata di abiti femminili greco-romani, accompagnata da accurata ricostruzione storica e di costume. Avvincente la parte in cui è stato sviluppato il tema della Bellezza e del Sublime in arte, letteratura, musica, natura. Emozionato il saluto degli studenti di quinto anno, tra i protagonisti più coinvolti della manifestazione. Famiglie in prima fila per festeggiare gli studi classici, che, altro che morti e sepolti, godono di consenso unanime. Infatti come dice l’Anonimo del Sublime (con riferimento ad un passo letto):”Ciò che è grande resta sempre nel gusto di tutti “. Evento dall’efficace intreccio di contenuti nello stile che è del Liceo Classico.