Presentazione del volume “Amare Cesare Pavese”

Galatone (Le) – 30 novembre 2018 – Palazzo Marchesale – Presentazione del volume “Amare Cesare Pavese” di Pierfranco Bruni – Interventi di Regina Resta (Associazione Culturale VerbumlandiArt), Pierfranco Bruni (autore), Annella Prisco (scrittrice), Goffredo Palmerini (scrittore) e Borisav Blagojevic (poeta) – video di Mauro Longo

Giuseppe Martinicca è il nuovo “Sindaco dei Ragazzi e delle Ragazze”

Galatone (Le) – 28 novembre 2018 – Sala Consiliare del Comune – Insediamento del nuovo “Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze”  che resterà in carica per il biennio 2018/’20 – I 16 ragazzi e ragazze eletti come nuovi consiglieri comunali hanno proceduto come da regolamento ad eleggere tramite scrutinio segreto il nuovo Sindaco: Giuseppe Martinicca (Scuola Secondaria di Primo Grado “Principe di Napoli” del Polo 2), il quale ha individuato come Vicesindaco Elisa Santese (Scuola Secondaria di Primo Grado “A. De Ferrariis” del Polo 1) – Interventi di Chiara Vainiglia ( Presidente del Consiglio Comunale), Adele Polo (Dirigente Scolastica Polo 1 e Polo 2), Daniela Colazzo (Assessore alla Pubblica Istruzione) e Flavio Filoni (Sindaco di Galatone) – Video di Mauro Longo

 Il “Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze” è così composto:

Perrino Pietro, Santese Elisa, Filoni Alberto, Stifanelli Martina, Negro Alberto, Antico Enrico, Cuppone Ludovica, Maggiore Paolo, Montefusco Ludovica, Epifani Giulio, Potenza Elena, De Mitri Mattia, Indraccolo Marco, De Martinis Clarissa, Perrone Emma e Longo Sara

“Lì dentro non c’è un ragazzo grande” – presentazione del libro

Galatone (Le) – 27 novembre 2018 – Palazzo Marchesale – Presentazione del libro di Luigi Colitta dal titolo “Lì dentro non c’è un ragazzo grande”, edito da Edizioni Esperidi – È la storia di Alberto, giovane promessa del calcio e ragazzo di straordinarie doti umane che nel 2008 vola in cielo a causa di una Leucemia – Interventi di Luigi Colitta (autore), Roberta Marra (Edizioni Esperidi), Lucia Anna Pisanello (Presidente AIL sezione di Lecce), Renato Moro (Capo Redattore de “Il Nuovo Quotidiano di Puglia”) e Ottavio Narracci (Direttore Generale Asl Lecce) – Video di Mauro Longo

La campagna elettorale è finita. Sindaco, non serve nascondere la verità!

La campagna elettorale è finita. Sindaco, non serve nascondere la verità!

La campagna elettorale è finita. Sindaco, non serve nascondere la verità!

A quanto pare ultimamente il nostro Sindaco ha trascorso notti insonni, magari turbate da rimorsi e da rimpianti, se contrariamente al suo stile ha deciso di rispondere solo dopo qualche giorno per assumersi a pieno tutte le responsabilità dell’errata comunicazione sull’amletica assegnazione del finanziamento da parte della Regione sulla bonifica della ex discarica di contrada Vorelle.

Evidentemente il Sindaco cerca di minimizzare, un po’ goffamente per la verità, deviando l’attenzione dell’opinione pubblica verso altre problematiche, che per quanto ci riguarda sono altrettanto fallimentari

Il Sindaco non ha compreso o non vuole comprendere che non si tratta solo di un problema di errata comunicazione, ma di negligente insensibilità della sua Amministrazione, che durante la campagna elettorale nel  programma promette solennemente la risoluzione dell’annoso problema ambientale, ma poi di fronte a un bando regionale, pubblicato già nell’agosto 2017, il mezzo che le avrebbe permesso di bonificare l’ex discarica, affronta la questione con un inspiegabile ritardo di 15 mesi, avvalendosi tra l’altro di una serie di proroghe del bando stesso.

Forse eravate ancora impegnati nei festeggiamenti!?

Il sindaco dovrebbe spiegare inoltre perché l’Amministrazione abbia incaricato solo qualche giorno prima dello scadere dei termini del bando un tecnico  per la realizzazione di un progetto che dopo soli tre giorni viene approvato dalla Giunta comunale e presentato alla Regione.

La vicenda conferma, purtroppo, l’incompetenza e la negligenza degli esperti  amici ambientalisti, che si evidenzia chiaramente nel non aver saputo interpretare il bando che prevedeva sì l’intervento per ribonificare la ex discarica, ma assolutamente non quanto previsto dal vostro frettoloso progetto, motivo per il quale è stato escluso e non finanziato, malgrado i fondi disponibili e il limitato numero di Comuni partecipanti al bando.

Lei è padrone di non accettare né lezioni né consigli da nessuno, ma da primo cittadino avrebbe il dovere di assumersi sino in fondo le sue responsabilità insieme con i suoi assessori e consiglieri delegati.

In qualità di Sindaco sarebbe opportuno da parte sua evitare di continuare nostalgiche polemiche sui buchi di bilancio, del resto la Corte dei conti si è già espressa, e oggi bisogna amministrare consapevoli che i problemi finanziari in questi anni hanno attraversato e attraversano tutte le amministrazioni comunali, così come ritengo patetico ricordare la centrale biogas mai avviata o la discarica di inerti contenenti amianto ereditata dalla passata Amministrazione, senza tenere poi in considerazione le decine di micro discariche di inerti e di amianto disseminate su tutto il nostro territorio comunale, durante la vostra Amministrazione, o sulle nostre abitazioni.

Dobbiamo ammettere che godete di una favorevole congiuntura per quanto concerne i bandi: con la programmazione 2014/2020 la Regione ne ha pubblicati davvero tanti . E purtroppo anche su questo versante dobbiamo registrare il fallimento della sua Amministrazione, malgrado la disponibilità di un parco progetti già disponibile, dalle scuole al centro storico, compreso l’avvio della rigenerazione urbana.

Basta ricordarne uno per tutti: l’esclusione del progetto delle piste ciclabili ancora una volta per il ritardo nella presentazione.

La passata Amministrazione, invece, ha gestito solo le briciole della programmazione Regionale 2007/2013, eppure nonostante ciò è riuscita a realizzare numerosi interventi che sono sotto gli occhi di tutti i galatonesi, solo per citarne alcuni: il completamento del Palazzo Marchesale, la manutenzione straordinaria di numerose strade rurali, del Parco Santa Rita, del Teatro Comunale, la ristrutturazione delle  Scuole di Largo Itria, di San Luca e di Via XX settembre, del Frantoio ipogeo e di Largo Goldoni.

Pertanto non continui, lei, a dire le bugie, basta citare  il finaziamento ottenuto dalla precedente Amministrazione di 5 milioni di euro per la mitigazione del rischio idrogeologico, a fronte di un progetto generale di 19 milioni , per superare abbondantemente i finanziamenti ottenuti dalla vostra Amministrazione. Progetto che purtroppo da parte vostra non è stato ancora avviato, e magari speriamo di non doverci aspettare qualche sorpresa…

Siete come una nave che nonostante le favorevoli condizioni atmosferiche non riesce a prendere il largo perché il suo equipaggio non è in grado di navigare.

C’è veramente bisogno di una rinascita sociale, ma questa deve necessariamente passare attraverso una serie di esempi comportamentali che devono partire dall’alto, ma evidentemente questo Paese sarà costretto a vivere, per il perdurare dei vostri atteggiamenti manichei, una perenne campagna elettorale che avrà come unico risultato il ritorno al passato  facendo svanire quanto realizzato negli anni precedenti.

La coesione sociale che sembrava l’obiettivo della sua Amministrazione sembra infatti aver esaurito la sua spinta propulsiva, vedi le consulte che poco si consultano, salvo accontentare chi non è stato eletto con le presidenze o la cooperativa di comunità, il cui numero di iscritti continua ad essere insufficiente e priva di un concreto ed efficace progetto economico e sociale per la Città, o l’azione sociale basata solo su una prosecuzione, priva di anima e di linfa vitale, di iniziative ideate dalla precedente Amministrazione, prestando poca attenzione perfino al Centro Sociale Anziani, nato prima ancora per volontà amministrativa.

Non ci resta che sperare in una presa di coscienza dei danni che state generando, soprattutto per le mancate opportunità che non siete stati ad oggi in grado di cogliere.

Se ritenete di continuare a sbandierare “accordi affaristici e speculativi” da parte di chi è all’opposizione non possiamo che prenderne atto e agire come meglio riterremo. A voi auguriamo di andare avanti col sorriso!

 

I Consiglieri di opposizione

URLO DI DONNA: NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

URLO DI DONNA NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

URLO DI DONNA: NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

Da diversi anni le associazioni Ecomuseo Kroke, Federcasalinghe, Unitre “I Galati”, Consultorio Diocesano Regina Familiae, Verbumlandi Art, Ipso Facto, sono unite nella lotta contro la violenza sulle donne che viola il principio diuguaglianza “di genere”, diritto fondamentale della persona.

Negli ultimi anni, l’impegno di noi Associazioni in questa direzione si è concretizzato in iniziative di approfondimento, riflessione e sensibilizzazione nei confronti di questo tema di massima attualità, scegliendo modalità e messaggi che potessero raggiungere l’opinione pubblica per scuotere gli animi della Città ed educare al rispetto e all’Amore Vero.

Tale unione si è ulteriormente rafforzata nel 2014 con l’istituzione, grazie alla collaborazione dell’Assessorato alle Politiche Sociali e di esperti del territorio, dello Sportello Antiviolenza URLO DI DONNA, per offrire assistenza legale e psicologica alle donne che chiedono di essere aiutate a riconoscere ed affrontare la violenza subita, nonché per essere seguite nel percorso di protezione e sicurezza.

Anche quest’anno, in occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, non mancherà il nostro impegno e la nostra partecipazione alla fiaccolata “Salento in marcia contro la violenza sulle Donne”, iniziativa promossa dalla Consigliera di Parità a cui ha aderito l’amministrazione Comunale.

Allo stesso tempo, abbiamo voluto lanciare un messaggio che possa circolare tutto il giorno in città, avvolgendo il contenitore delle bustine di zucchero al bar, perché nell’abitudine domenicale di prendere un caffè, comprare i dolci per il pranzo, scambiare una chiacchera con un amico, l’URLO DI DONNA, possa echeggiare nei cuori e nelle menti, per sensibilizzare tutti contro questa feroce e ingiusta realtà.

Siamo tutti responsabili della violenza contro le donne. Le donne che soffrono sono tra noi: le nostre amiche, vicine, che spesso nascondono il disagio. Dobbiamo ascoltarle, incoraggiarle, inglobarle in un sistema che le valorizzi e impedisca alla violenza di attecchire.

Perchè le donne annullate ogni giorno dalla violenza dei loro uomini, trovino un brandello di forza per dire finalmente NO,mandando un messaggio d’amore e di speranza alle altre donne poichè la speranza è la forza della vita.

URLO DI DONNA è il nostro grido di speranza, quella di combattere il femminicidio e quella che non rimanga uno slogan ma torni presto ad essere un servizio per la nostra città.

Le Associazioni:

Ecomuseo Kroke

Federcasalinghe

Unitre “I Galati”

Consultorio Diocesano Regina Familiae

Verbumlandi Art

Ipso Facto

ROBERTO BOVE: STERILE PIAGNISTEO O ABILE CORTINA DI FUMO

ROBERTO BOVE- STERILE PIAGNISTEO O ABILE CORTINA DI FUMO

ROBERTO BOVE: STERILE PIAGNISTEO O ABILE CORTINA DI FUMO?

L’assessore Bove si fa soffocare dal fumus persecutionis e tossisce stizzosamente lamentando per plateale intenzione di nuocere alla sua persona quella che invece non è altro che affermazione della verità.

Nessun attacco alla persona, Assessore, ma al ruolo politico, quello sì. D’altronde se non si riesce a sopravvivere ad un po’ di ironia… non sa l’Assessore che la satira è il sale della democrazia?

Lei del resto non si tira indietro, quando c’è da demolire col suo perfido sarcasmo chi ostacola le sue “solite” trame.

Quindi nessun isterismo, Assessore Bove, e risponda piuttosto alle domande che le sono state poste.

Il progetto per la ex-discarica di Vorelle è stato approvato dalla Giunta regionale, Sì o No?

La Regione ha concesso quei fondi, Sì o No?

L’ Ecocentro funziona ad intermittenza, Sì o No?

II secondo Ecocentro dopo un anno e mezzo dal suo completamento funziona, Sì o No?

La circolare ha eseguito una qualche corsa in otto mesi, Sì o NO?

Questo gioiello della tecnica moderna che dovrebbe trasportare i cittadini da Piazza Padre Pio al Centro Storico, al Cimitero o al Poliambulatorio e ci costa circa 5.000 euro al mese, Sì o No?

E così in merito a tutti i nostri altri rilievi!

A meno che il suo lacrimevole vittimismo non sia fumus persecutionis, ma piuttosto un’abile cortina di fumo, come quella usata dalle navi da guerra in ritirata, per distogliere l’attenzione rispetto alle innumerevoli figuracce che colleziona e alla sua pressappochista incompetenza!

Invece di lamentarsi, sorrida umilmente, caro Assessore della Giunta del sorriso, e chieda scusa cercando di svolgere bene il suo ruolo. Altrimenti si dimetta, visto che “andare a casa” le dà tanto fastidio!

Poi per quanto concerne il suo richiamo al clientelismo, Galatone si è presto accorta che avete superato abbondantemente la passata Amministrazione.

Infine sul fatto che come amministratore Lei non sia capace di lasciare il segno, vorremo ricordare che quando ciò accade la gente finisce col non averne un buon ricordo: vogliamo ricordare l’eliminazione delle cuccette dei cani che ha fatto ridere tutta l’Italia, dalle Alpi alla Sicilia?

Visto che il Natale è alle porte, speriamo di trovare sotto l’albero il famoso piano traffico, avviato dalla passata Amministrazione, che Lei aveva promesso di adottare entro la fine del 2017 e più volte durante questo anno che volge al termine, organizzazione degli uffici permettendo,

ma questo è un altro capitolo…

Tutti siamo liberi, ci mancherebbe, politicamente ognuno di noi ha una propria storia che è nota ai cittadini di Galatone, caro Assessore Roberto Bove…

I Consiglieri di opposizione

Per chi vive di bugia, la verità è una malattia

Per chi vive di bugia, la verità è una malattia

Per chi vive di bugia, la verità è una malattia

In questi giorni leggo sui social interventi “dei massimi” politici locali che si concedono il lusso di dare consigli e sparare sentenze sull’operato politico-amministrativo della maggioranza e nello specifico di alcuni componenti della stessa.
Per questo tengo a chiarire alcuni punti sollevati dagli attuali consiglieri di opposizione: nonostante ci siano state notti insonni, per scrivere l’attacco contro l’amministrazione riguardo l’ex discarica di Vorelle, posso affermare che c’è stato un semplice errore di comunicazione e mi assumo personalmente la responsabilità dell’accaduto, con umiltà.
Non accetto lezioni da chi ha amministrato la nostra città negli ultimi anni in modo scellerato e poco oculato, contraendo mutui ed indebitando all’inverosimile le casse comunali.
Voi “già” amministratori di questa città state scoprendo solo ora il vero significato della parola “bando” e i benefit del reperire risorse da spendere senza incidere sulle casse comunali.
Tra l’altro, cari “già”, penso che la Corte dei Conti abbia una diversa idea dei vostri “fantomatici” buchi di bilancio che continuano ad incidere in maniera decisamente negativa sulle nostre possibilità d’azione.
In soli 17 mesi abbiamo rintracciato più risorse esogene di quanto fatto dalla precedente amministrazione, questo è un dato inconfutabile.
Perché non date questi numeri ai cittadini anziché lanciarvi in epiteti poco consoni a quello che dovrebbe essere il comportamento di una persona educata?
Non si tratta di essere “super ambientalisti” come scrive qualcuno. A noi non interessa essere super. Ci basta essere onesti e giusti nei confronti della nostra comunità.
Chi ci critica oggi è colui che non ha mai avuto a cuore una politica ambientale seria per la nostra città, l’uomo dell’amianto, del Biogas e delle tantissime eco-balle.
Oggi, danno lezioni di coerenza politica le stesse persone che hanno cambiato schieramenti, partiti e coalizioni, cambiando anche ideali in un giorno, tra cui anche chi, ottenuti i propri trenta denari, si è dovuto dimettere da assessore e tornare a casa piegando la schiena di fronte al suo capo.
Galatone ha bisogno di una vera rinascita sociale, culturale ed economica. Lavoriamo giornalmente per questo e per ridare dignità e vanto alla nostra città, continueremo a farlo esclusivamente per il bene della nostra comunità.
Ve lo dico chiaramente: per me è meglio essere, come dite voi, “giovane ed inesperto” ma avere il coraggio di migliorare la propria città, rispetto a chi la considera solo una torta da spartire in base ad accordi affaristici e speculativi.
Vorrei anche darvi un’ultima rassicurazione: da parte mia, della Giunta e di tutta la maggioranza c’è grande fiducia nell’operato dell’Assessore Bove che continuerà ancora a lavorare, come fatto finora, per il bene di tutta la comunità.

#statesereni

Il Sindaco 

Flavio Filoni