LE BELLEZZE DELLA MONTAGNA SPACCATA

LE BELLEZZE DELLA MONTAGNA SPACCATA (1)

Il pomeriggio del 30 agosto è stato contrassegnato da una piacevole e rilassante passeggiata alla scoperta dei tesori floristici che rappresentano il valore aggiunto alla bellezza della nostra scogliera, tesori spesso trascurati o “calpestati” dall’indifferenza!

Guide in questo percorso di conoscenza, la professoressa Rita Accogli, dell’Università del Salento, e Silvana Francone.

Da subito ci si è resi conto della grande ricchezza  in biodiversità che caratterizza le nostre coste: in un fazzoletto di scogliera erano ospiti numerose specie delle cosiddette piante alofite, piante che non disdegnano la salinità del terreno e si sviluppano regalandoci tanta bellezza.

Alle conoscenze scientifiche si sono aggiunti aneddoti e curiosità relative anche alle nostre tradizioni culinarie: chi non ha gustato una bella frisella con un contorno di erbe di mare? Ebbene, di queste piante abbiamo potuto ammirare la lussureggiante fioritura!

Dalla scogliera ci si è inerpicati su quella che per noi Salentini-Galatonesi è la Montagna Spaccata, in realtà rupi di modeste dimensioni a picco su un mare cristallino; rupi che, però, rappresentano una preziosa nicchia botanica che custodisce rarità segnalate nella lista rossa delle piante minacciate di estinzione. Ci riferiamo soprattutto all’azzurra presenza della CAMPANULA VERSICOLOR o campanula pugliese, regalo della penisola balcanica al nostro Salento, e poi la MATTHIOLA INCANA, la SCROFULARIA LUCIDA e tante altre specie che rendono questo lembo di costa prezioso, ma non per tutti, visto come gli incendi lo deturpano, a testimoniare anche l’incapacità dell’uomo a riconoscere e difendere la Bellezza!

Un luogo incantato la Montagna Spaccata con il suo splendido mare la cui voce è coperta dalla musica assordante di un chiosco vicino che impedisce di godere di questo luogo che meriterebbe occhi capaci di meravigliarsi (non solo per i tramonti) e orecchie capaci di ascoltare la voce della Natura.

La nostra Terra meriterebbe questo per poter essere salvata dall’incuria, dal degrado e dall’indifferenza.

 

Galatone Bene Comune                                              

Ecomuseo dei sentieri galatei e del canale dell’Asso

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...