RISPOSTA APERTA AL SINDACO FLAVIO FILONI da AURELIO COLAZZO

RISPOSTA APERTA AL SINDACO FLAVIO FILONI da AURELIO COLAZZO

RISPOSTA APERTA AL SINDACO FLAVIO FILONI da AURELIO COLAZZO

Visti i comunicati stampa e i recenti comizi tenuti dal sindaco Flavio Filoni in occasione dell’ultimo consiglio comunale e anche in occasione degli auguri per il Nuovo Anno, ho ritenuto opportuno rispondere con questa lettera alle accuse puramente strumentali riguardanti gli aspetti del bilancio del nostro Comune da parte di questa persona che crede ancora di essere in campagna elettorale. L’unico motivo per cui Voi avete il coraggio di lamentarVi è che non sapete in realtà cosa significa avere un buco di bilancio, e mi dispiace che solo dopo cinque anni di nostra amministrazione Filoni abbia deciso di diventare un buon padre di famiglia, altrimenti si ricorderebbe qual’era la situazione al NOSTRO insediamento essendo all’epoca lo stesso Filoni consigliere di opposizione uscente. Solo per citare alcuni dediti: ATO LECCE (costi per il conferimento dei rifiuti) 740 000,00€; Cave Marra (Raccolta rifiuti) 500 000,00€; Cooperativa risveglio (debito) 360 000,00€; e poi Sud Gas, sig.ra Brescia, ASI, Ditta ingrosso, ed altri per un totale che supera i DUE MILIONI DI EURO. Lei non si dovrebbe permettere di rivolgersi a me parlando di “mancanza strategica” o di un assessore che non sapeva di cosa si parlasse, perché io a differenza sua non ho passato il tempo a lamentarmi ma ho studiato e lavorato per adempiere al mio ruolo nel migliore dei modi. La finisca, inoltre, di alludere al compianto ragionier Cuppone con il quale ho lavorato per cinque anni e con il quale si era instaurato un rapporto di stima basato sulla serietà e sul rispetto che lei hai evidentemente trascurato. Parla in continuazione di buchi di bilancio e di anticipazioni di cassa senza sapere nemmeno di cosa si tratti. Iniziando dal primo punto, siamo in attesa da mesi della ormai famosissima relazione sul bilancio, che ancora non arriva, per cui evito di rispondere ad accuse che per ora rimangono solo parole al vento, ma vista la calma con la quale la state redigendo Vi invito a farlo in modo ancora più corretto integrando anche la situazione di bilancio presente al nostro insediamento e di specificare quali siano le spese folli effettuate dalla mia amministrazione che puntualmente in ogni comizio tira fuori, per evidenziare quanto sia più semplice lamentarsi dei problemi, che del resto accomunano tutte le amministrazioni, piuttosto che sapere come risolverli. Per quello che riguarda le anticipazioni di cassa, queste hanno un fondamento giuridico, per cui caro Sindaco spieghi per filo e per segno cosa siano e come si usano, altrimenti si dimostra per quello che è, solo un uomo da comizio e poiché io non lo sono ci tengo a chiarire che queste si usano per poter utilizzare delle somme di denaro che entreranno nelle casse del comune solo alla chiusura del bilancio. Questo è possibile perché alcune entrate come IMU e TARI vengono incassate da parte del comune solo tra la fine del mese di dicembre e l’inizio dell’anno successivo, e solo queste due entrate costituiscono un importo pari a oltre 1 milione e 800 mila euro. A questo si aggiunge il fatto evidente che nei nostri anni di amministrazione anche il contributo di solidarietà da parte del Governo ci è pervenuto solo nel mese di dicembre e non in anticipo come accaduto nell’anno appena trascorso. Mi sembra ridicolo non poter tenere conto di queste cifre e inoltre aspetto di vedere come, da buon padre di famiglia quale si auto declama, riuscirà a farne a meno nella sua previsione di bilancio che a breve dovrà effettuare. Ci tengo a precisare che la piaga dell’evasione fiscale danneggia notevolmente le casse comunali e noi ogni anno abbiamo effettuato accertamenti, per circa 600 mila euro annui, con la STESSA società di cui Voi Vi avvalete per poter effettuare la riscossione coatta; pertanto è del tutto falso dichiarare che non abbiamo fatto nulla in questo campo. Concludo invitandoLa a moderare il linguaggio con cui si rivolge alla mia persona e al mio ruolo perché io ho sempre lavorato nell’interesse della città con serietà, impegno e nessun interesse personale per cui non è rispettoso nè morale da parte Sua accusarmi come ha fatto fino ad oggi, ed anzi, mi aspetto che Lei stesso faccia un passo indietro, perché prima che politici siamo persone che vanno rispettate e visto il ruolo che ricopre dovrebbe essere Lei il primo a comportarsi con onestà e rispetto verso tutti cittadini e pertanto anche nei confronti dei suoi oppositori politici. Si ricordi che l’importante è avere la coscienza pulita, per il resto tutti possono sbagliare, me compreso, ma è vile accusare senza alcun ritegno gli altri solo per auto celebrarsi come il salvatore del Comune. Auguri per un Nuovo Anno, che sia ricco di gioie e di RISPETTO.

 Aurelio Colazzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...