Riapertura del Banco di Solidarietà presso la nuova sede di Via Cairoli

Riapertura del Banco di Solidarietà presso la nuova sede di Via Cairoli

Riapertura del Banco di Solidarietà presso la nuova sede di Via Cairoli

Siamo lieti di poter finalmente annunciare la riapertura del Banco della Solidarietà della città di Galatone in una veste del tutto nuova.

Come dall’idea originaria del progetto, e in continuità con lo stesso, il Banco della Solidarietà si caratterizza per la sua attività di condivisione e beneficienza, con l’obiettivo mirato soprattutto al riciclo e al riutilizzo dei materiali di scarto, vale a dire qualsiasi tipo di oggetto usato ma ancora utilizzabile (capi di abbigliamento, oggettistica, arredi ecc..). Lo scopo è quindi sempre uguale: sensibilizzare la cittadinanza ad un atteggiamento che possa essere il meno consumistico possibile e tale da poter contribuire a sostenere le famiglie meno abbienti della nostra cittadina, dando però un punto di riferimento “fisico” di notevole importanza sul quale poter fare affidamento.

In occasione della riapertura, si ringraziano tutte le associazioni che fin dall’inizio e in tutti questi anni hanno ideato e portato avanti l’idea del Banco di Solidarietà, che oggi si ripresenta con una nuova veste dovuta al cambio di sede: i locali adibiti a fare incetta di tutto lo spirito di solidarietà dei Galatonesi (e si spera non solo) non saranno più infatti quelli di Via Corsieri bensì il Centro Congressi “Massimo Vitaliano” sito in via Cairoli, che in occasione di questa riapertura mostrerà anche nelle stanze adibite alla raccolta un nuovo look più sperimentale e colorato, in modo da risultare ancora più accogliente e caloroso per chiunque abbia voglia o necessità di appoggiarsi ad una struttura amica.

Il Banco della solidarietà ha riaperto i suoi battenti lunedì 30 ottobre; i giorni e gli orari nei quali si effettuerà il servizio saranno il lunedì dalle ore 9.30 alle 11.30  e il giovedì dalle ore 16.00 alle 18.00

L’Assessore ai Servizi Sociali

Caterina Dorato

I dieci anni della rivista “A Levante”

Galatone (Le) – 22 ottobre 2017 – Palazzo Marchesale – Per i dieci anni della rivista “A Levante”: SCRITTURA ARTE TERRITORIO luoghi d’incontro nella costruzione di un futuro possibile – Interventi di Giulia Santi (A Levante), Renato Moro (Caporedattore del Nuovo Quotidiano di Puglia, scrittore), Giuseppe Resta (architetto, redattore della rivista), Enzo Ligori (giornalista, attuale direttore della rivista) e Giuliana Coppola (giornalista, già direttoredella rivista) – Video di Mauro Longo

“Europe Code Week” al Polo 2 di Nardò

'Europe Code Week' al Polo 2 di Nardò

“Europe Code Week” al Polo 2 di Nardò

L’ Istituto comprensivo Polo 2 ha partecipato alla settimana europea del coding – Europe Code Week – con numerose iniziative organizzate dalla scuola dell’infanzia (con i bambini di 5 anni) e dalla scuola primaria.

Europe Code Week è la settimana europea della programmazione, che quest’anno si è svolta dal 7 al 22 ottobre 2017. Una settimana in cui si sono concentrate una grande quantità di eventi per offrire a tutti l’opportunità di sperimentare il coding in modo divertente, intuitivo e immediato.

Coding è un termine inglese al quale corrisponde in italiano la parola programmazione. Parliamo ovviamente di programmazione informatica, ma non nel senso più tradizionale dell’espressione. Il coding a scuola è un approccio che mette la programmazione al centro di un percorso dove l’apprendimento, già a partire dai primi anni di vita, percorre strade nuove ed è al centro di un progetto più ampio che abbatte le barriere dell’informatica e stimola un approccio votato alla risoluzione dei problemi. Le lezioni di coding, dunque, non sono tradizionali corsi di informatica in cui si impara a usare gli oggetti digitali. I bambini lo sanno fare già, spesso molto meglio degli adulti. Il coding è un salto di qualità che introduce al pensiero computazionale, che è la capacità di risolvere problemi – anche complessi – applicando la logica, ragionando passo passo sulla strategia migliore per arrivare alla soluzione. I bambini non imparano solo a programmare ma programmano per apprendere.

La scuola primaria di Via Bellini ha coinvolto tutte le classi del plesso. Un lavoro a “classi aperte”, che ha rotto gli schemi dell’aula tradizionale e indotto i bambini a interagire e collaborare tra loro.. Ad aprire l’evento un “Cody Maze” al mare. Gli alunni hanno risolto un labirinto virtuale fatto di QRcode sul lungomare di Santa Maria al Bagno , marina di Nardò.

A scuola, poi, gli alunni della 3A hanno svolto una attività di pixel art, hanno programmato su carta a quadretti la scritta “Europe Code Week 2017” .

Gli alunni della 4A hanno scoperto un messaggio segreto in inglese per avvicinare il coding con le attività CLIL. Entusiasti hanno risolto un rompicapo scoprendo il messaggio segreto.

Gli alunni della 5A hanno fatto da tutor a 76 bambini di 5 anni dell’Istituto Comprensivo, guidandoli nella conquista della loro prima ora di codice attraverso attività unplugged e di robotica educativa.

A chiudere gli eventi un “Codyparty” con la presenza dell’Amministrazione comunale di Nardò, l’Ass. Sodero, il consigliere Provinciale Tondo e la Dirigente Mariagiuditta Leaci.

Cosimo Vetere è il nuovo segretario del Partito Democratico di Galatone

Cosimo Vetere è il nuovo segretario del Partito Democratico di Galatone

Cosimo Vetere è il nuovo segretario del Partito Democratico di Galatone

Ieri 19 ottobre 2017 a Galatone, nella sede del Partito Democratico, alla presenza delle maggiori cariche politiche cittadine e regionali,  si è svolto il Congresso Cittadino per l’elezione del  Segretario del circolo PD; la votazione si è conclusa con l’elezione a Segretario di Cosimo Vetere,  29enne laureato in scienze politiche e già attivo nelle iniziative politiche e sociali del  circolo di Galatone.

“Il PD di Galatone che vogliamo lavorerà in modo trasparente e plurale, con metodo votato all’attivismo e all’iniziativa al fine di coinvolgere la cittadinanza con la partecipazione ed acquisire maggiore efficacia nell’azione sul territorio. Si parte, quindi, con l’obiettivo di aprire il PD di Galatone a tutta la comunità, cercando di coinvolgere il maggior numero di risorse possibili al fine di rendere il nostro impegno e la nostra passione politica attività quotidiana volta al bene sociale della comunità. Un Partito che sia una SQUADRA che attraverso lo slancio dei giovani e il contributo fondamentale del consiglio dei più esperti, potrà sicuramente crescere attraverso il lavoro, la costanza e la passione che ci accomuna in questo progetto. Solo così il Partito Democratico di Galatone potrà continuare ad avere grandi risultati”.

Le parole di Cosimo Vetere, neo-segretario del Partito Democratico di Galatone.

 

COOPERATIVA di COMUNITA’ al via l’iter d’Istituzione

COOPERATIVA di COMUNITA_ al via l_iter d_Istituzione

COOPERATIVA di COMUNITA’ al via l’iter d’Istituzione

In data 17 Ottobre 2017 il Consiglio Comunale ha deliberato favorevolmente per il via all’iter di istituzione delle Cooperative di Comunità.

Le Cooperative di Comunità sono disciplinate dalla legge regionale n.23 del 20 Maggio 2014  che  prevede, che le stesse debbano avere un numero minimo di soci rispetto al totale della popolazione. Per la nostra città tale somma è del 3% della popolazione, circa 450.

Le Cooperative di Comunità possono svolgere tutte le attività ritenute indispensabili, con maggiore attenzione verso, quelle che l’ente pubblico o il privato non riescono a garantire. I campi in cui può svolgere le proprie attività sono molteplici: socio-sanitario, scolastico, commerciale, turistico, ambientale, culturale ecc.

Testualmente la legge regionale delinea gli obiettivi da perseguire :” la valorizzazione turistica, il recupero dei beni ambientali e monumentali, il recupero delle produzioni tradizionali, il recupero delle tradizioni culturali, il miglioramento dell’arredo e dell’igiene dei luoghi comuni e la fornitura di servizi in supporto delle fasce deboli della popolazione.”  E’ chiaro come la Cooperativa di Comunità abbia come leitmotiv il compito di auto-organizzarsi per gestire direttamente alcuni servizi e decidere sul proprio futuro.

Voglio precisare in maniera ferma, una volta per tutte, che la Cooperativa di Comunità non è della maggioranza, non è della minoranza, non è di alcuna forza politica ma  della Città tutta. La Cooperativa di Comunità rappresenta una sfida, una sfida stimolante da vincere tutti insieme! Al di là dei colori politici di ognuno di noi. Sogno, come cittadino libero, una partecipazione largamente condivisa e superiore alle 450 sottoscrizioni necessarie alla nascita della Cooperativa. Il nostro intento oggi è rappresentato dall’obiettivo comune di sanare quella frattura profonda che da tanto, troppo tempo è stata generata nel cuore della nostra città. Per fare questo la città necessità delle Cooperative di Comunità, per i nostri giovani e meno giovani senza lavoro, per tutte quelle persone in difficoltà che cercano disperatamente, con sacrifici, di andare avanti.

Per diventare finalmente una famiglia e ricostruire la nostra Comunità

 

Il Sindaco

Flavio Filoni