Intervento di Luigi Colitta sulla questione del Centro Sportivo Polivalente

Intervento di Luigi Colitta sulla questione del Centro Sportivo Polivalente

Intervento di Luigi Colitta sulla questione del Centro Sportivo Polivalente

L’articolo pubblicato dal candidato Sindaco Giovanni Alemanno mi offre l’opportunità di intervenire sulla questione del Centro Sportivo Polivalente intitolato a mio figlio Alberto. Ovvio che il polivalente è per me un luogo al quale sono particolarmente affezionato. Ed interessato! Interesse puramente morale il mio, con un sogno: vederlo un giorno, spero non molto lontano, funzionare a pieno regime. Ho l’età per ricordare quando venne costruito e qualche volta ho anche avuto la possibilità di esprimermi in particolare nel palazzetto avendo giocato diversi anni a pallavolo, ahimè a bassi livelli. Questo per dire che anch’io comunque sono stato uno sportivo. Chi mi conosce sa che amo lo sport, ed ho sempre creduto nei veri valori della vita che solo attraverso lo sport si possono acquisire. Lo sport è vita, è salute! La dott.ssa primario del reparto, un luminare dell’ ematologia del Gemelli di Roma, mi andava ripetendo che nonostante l’aggressività della malattia che aveva colpito Alberto non perdeva le speranze di salvarlo perché aveva trovato un ragazzo forte ma soprattutto perché aveva trovato in lui un atleta.

Non credo di dire cosa esagerata se affermo che noi a Galatone abbiamo la fortuna di disporre di un autentico gioiello probabilmente invidiatoci da tanti. Ma trovo che non sia altrettanto esagerato se affermo che non abbiamo mai saputo, e dico mai, avuto le capacità di sfruttarne l’enormi potenzialità. Neanche parzialmente! Non lo abbiamo mai saputo valorizzare e, peggio ancora, ci è stato molto più facile abbandonarlo al suo destino. Mi viene in mente il famoso detto “Lu Patreternu tae li biscotti a ci no porta li tienti”. Già, proprio così!

Il CSP è una struttura fantastica, una realtà dove vi è la possibilità di praticare tantissimi sport, sia di squadra sia individuale, una risorsa eccezionale che non ha eguali in provincia e che con molta probabilità son pochi quelli che possono vantarne una simile su tutto il territorio nazionale. Ripeto, un autentico gioiello.

Ho sentito il comizio del ns Sindaco dove affermava che molto è stato fatto per il CSP, che ora è pulito e ordinato. Io direi che è solo un po’ più pulito,  ma le pare possa bastare Sig Sindaco? La pulizia è il minimo sindacale. Certo, per tanti anni non vi è stato neanche questo, ma non ci si può accontentare tantomeno vantare per così poco. Proprio no. E le pare che si possa tollerare che alcuni individui possano deliberatamente portare il proprio cane a fare i propri bisogni all’interno del centro deturpandolo irrimediabilmente? O che si possa tollerare che venga trasformato in un autentico canile con addirittura l’allestimento di casette per cani che ovviamente ci vivono dentro e che poi magari corrono dietro a ignari cittadini che fanno footing? Che non vi sia un minimo di sorveglianza lasciandolo aperto a tutti quasi fosse un porto di mare? E’ civiltà questa? I ns giovani meritano di più. Bisogna fare di più, bisogna farlo funzionare! Ho avuto modo di parlarne con più Sindaci degli anni recenti compreso l’attuale e tutti mi hanno evidenziato un problema: il CSP ha bisogno di ristrutturazioni  radicali ma non vi sono soldi. Ed è questa purtroppo una realtà incontrovertibile. Ma non ci si può arrendere, proprio no. Io non sono mai stato né Sindaco né amministratore  ma ho una certa età e l’esperienza della vita mi dice che chi ha il potere in mano e vuole una cosa trova il modo di farla. “VOLSI COSI’ COLA’ DOVE SI PUOTE CIO’ CHE SI VUOLE, E PIU’ NON DIMANDAR” di dantesca memoria.

Secondo me un buon Sindaco e un buon Amm.re che vuole, non molto, ma solo un poco di bene alla sua città, ai suoi concittadini, ai suoi stessi figli non può esimersi di indirizzare la sua amministrazione soprattutto verso i giovani. Per un motivo molto semplice: I GIOVANI SONO IL FUTURO, IL NOSTRO FUTURO, LA NOSTRA SPERANZA!  E, badate bene, ve lo dice uno che purtroppo il suo giovane, la sua speranza, non c’è l’ha più.

E ci sono tre buoni motivi, tre buone ragioni, sempre a mio modesto parere, per farlo

-Dare a tutti,e soprattutto ai più giovani, ai ragazzi, la possibilità di praticare lo sport perché lo sport indirizza sia il corpo che la mente verso una crescita sana. Perché i veri valori che trasmette lo sport sono valori alti e alti rimarranno. E il mio Alberto, consentitemelo, ne era un esempio!

-Perché se un ragazzo la mattina va a scuola ed al pomeriggio è impegnato in una qualche attività ( che, per carità, oltre allo sport potrebbe essere un laboratorio musicale o teatrale o altro ancora)  davvero non ha il tempo per stare in mezzo alla strada a stretto contatto con tutto quello che la strada può significare: alcool, fumo, droga, devianze di vario tipo e frequentazioni sbagliate con tutto quello che ne può scaturire

-E poi anche l’aspetto economico. Ma vi rendete conto quanto e quali potrebbero essere i ritorni e le possibilità concrete di sviluppare attività economiche e quindi, perché no lavoro, se si riuscisse , nel caso del CSP, di sfruttarne appieno le enormi potenzialità?

Mi rendo conto che con le parole è facile fare i fenomeni, ma a chiunque sarà Sindaco dico che se ha a cuore il futuro della ns città ha il dovere di provarci. La nostra città ha bisogno di strutture sportive, ed è ovvio che non mi riferisco solo al Polivalente, nuove, moderne, sicure e funzionanti e consegnate a mani sapienti, oneste e rispettose del nostro passato.

Al candidato Sindaco Giovanni Alemanno dico che sono contento di aver letto dei suoi propositi, di aver inserito tra le priorità del suo programma il CSP, di averlo, come dice, a cuore. Mi auguro che le tue, caro Giovanni, siano convinzioni concrete, non semplice propaganda elettorale. Ma ti conosco…

 A chiunque sarà eletto Sindaco chiedo UN ATTO DI CORAGGIO! Investire nelle strutture sportive, investire nei giovani, date loro la possibilità. Sono certo che non solo i giovani un giorno ve ne saranno grati ma anche i loro genitori e quindi tutta la città perché come si ama un figlio non si ama nessuno. Ed anche Alberto dal cielo, ne sono certo, ve ne sarà grato.

Luigi Colitta

2 thoughts on “Intervento di Luigi Colitta sulla questione del Centro Sportivo Polivalente

  1. Grazie Luigi! Ti ho promesso il mio impegno e lo ribadisco. Vorrei invitare tutti gli altri candidati sindaci, qualsiasi sia il risultato elettorale, a prendere seriamente in considerazione i suggerimenti che Luigi ci offre e fare del nostro meglio affinché venga realizzato suo sogno di far diventare il CSP ‘Alberto Colitta’ un autentico gioiello. Con affetto Giovanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...