Nisi: «Conti in ordine, alla prossima amministrazione non lasciamo sospesi e carichi»

Nisi «Conti in ordine, alla prossima amministrazione non lasciamo sospesi e carichi»

Nisi: «Conti in ordine, alla prossima amministrazione non lasciamo sospesi e carichi»

«Abbiamo approvato il bilancio e lasciamo tutto in ordine». Lo rende noto il sindaco di Galatone Livio Nisi sottolineando che: «Con l’approvazione del bilancio preventivo non lasciamo nulla in sospeso alla prossima amministrazione confermando che la nostra azione di governo risponde alla visione di una città solidale, attiva, ordinata».
Bilancio in ordine, dunque, cosa per nulla scontata, frutto di un’azione di governo attenta a bilanciare entrate e uscite. «È l’ultimo bilancio comunale che approviamo – sottolinea il sindaco Nisi – e abbiamo confermato tutto quello che era stato promesso, a partire dalla riduzione della Tari che – a seconda dei casi – oscilla tra il 4 e l’11 per cento. Non ci sarà alcun aumento di tariffe o imposte, pur mantenendo tutti i servizi: trasporti, mensa, asilo nido e prevedendo maggiori risorse per le fasce deboli».
La crisi morde ancora e l’amministrazione uscente ha continuato nel solco che ha caratterizzato la sua azione di governo: sostegno alle famiglie numerose e alle fasce deboli che si è concretizzato con l’applicazione di tariffe agevolate sui servizi erogati. Chi ha due figli, ad esempio, paga la retta intera per uno, ma per l’altro la metà. E tra le misure solidali si riconferma il baratto amministrativo per le fasce deboli. Chi non ha reddito sufficiente può pagare le tariffe comunali prestando attività lavorativa sino all’estinzione di quanto dovuto. Si tratta di un metodo che permette al cittadino che non ha mezzi sufficienti di non ritrovarsi nel baratro dell’insolvenza, ma al tempo stesso restituisce quel che deve con il suo lavoro e, perciò, il suo debito non pesa sull’intera collettività. E sempre nell’ottica della tutela di tutti si inserisce l’ampliamento della base dei contribuenti che il sindaco Nisi riconosce essere il frutto «dell’intensissima attività dell’ufficio tributi che è riuscito, con l’apporto di tutte le risorse umane, a ottenere questo risultato facendo emergere tante posizioni contributive che non erano regolarizzate».
E potrebbe spendere, il Comune, proprio perché i suoi conti sono in salute, ma dovrà aspettare che da Roma si apra la possibilità di spesa. «Anche quest’anno, malgrado ci sia disponibilità di fondi per rispettare il patto di stabilità, non possiamo avviare tutti gli investimenti previsti – rende noto il sindaco Nisi – e per i quali sono stati contratti anche i mutui. Bisogna aspettare la possibilità di ottenere ulteriori spazi e ci dispiace di dover rallentare, ma dobbiamo rispettare i termini previsti dalle leggi».

    Segreteria Livio Nisi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...