“DUE DIVERSI MODI DI INTENDERE E DI FARE POLITICA”

“DUE DIVERSI MODI DI INTENDERE E DI FARE POLITICA”

“DUE DIVERSI MODI DI INTENDERE E DI FARE POLITICA”

Nisi scende in campo, nel suo solito stile, fatto di kermesse scintillanti, inaugurazioni e definizione di schieramenti osannanti.
È
la vecchia politica che rinnova il vestito, come la storia del lupo che perde solo il pelo. La maschera rimane identica. Essa serve a nascondere i veri intendimenti, che non sono quelli dei proclami, ma quelli pattuiti nelle segrete stanze con i compagni di cordata.
Il sindaco dice che ha tentato, e tenterà, di aggregare il più possibile, nel più classico stile di chi vuole conservare il potere per il potere. Sperando di ricompattare il centrodestra, lanciando messaggi di unione per il primo turno, o già per un eventuale ballottaggio.

Non si tratta di destra o di sinistra ma di due modi di far politica e di gestire la macchina amministrativa. Questa è la politica di Nisi e dei sui amici. Una politica fatta di ammiccamenti, di (false) promesse, di piccoli favori, dietro i quali si nasconde il consolidato meccanismo di conservazione del potere.

C’é anche Tundo, consigliere provinciale eletto nelle file del centrodestra, che, per conservare il posto in provincia, sarà costretto a correre in una lista che sosterrà Nisi, quello stesso Nisi che avversò cinque anni fa da candidato sindaco.

Come si vede è tutto un disegno, un calcolo per fare in modo di conservare il potere.

Quanto all’esperienza di governo, i cittadini non dimenticano il regalo del biogas, dell’amianto. Giusto per fare solo due esempi di questa splendida esperienza di governo. Forse per Nisi sono questi i beni che rappresentano meglio la nostra città, quelli che non può portare in elegante brochure alla Bit di Milano.

Flavio Filoni, invece, è da tempo impegnato per definire un progetto politico che punta al rinnovamento, all’innovazione, alla coesione sociale, alla necessità di modificare i meccanismi della partecipazione.

“Costruiamo Insieme” è l’impegno di Flavio e della sua squadra.

E che non si tratti di parole è testimoniato dal fatto che le linee programmatiche siano state definite in una apposita manifestazione cui hanno partecipato i cittadini offrendo spontaneamente spunti, idee, proposte.

Cambiamento e rinnovamento.

Cambiare per offrire a Galatone la possibilità di diventare Città di tutti e non più del signore e della sua corte, una Città vivibile, equa, giusta, sicura, sana, senza sprechi, fiera della sua storia, attenta alle tradizioni.

Accogliente e tollerante.

Una Città a misura delle persone, di ogni età e condizione sociale.

Una città in cui tutti siano finalmente “CITTADINI”.

Flavio Filoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...