Nuova illuminazione pubblica per Galatone

Nuova illuminazione pubblica per Galatone - via XX Settembre

Nuova illuminazione pubblica per Galatone – via XX Settembre

Nisi: «Abbiamo una nuova illuminazione che rispetta l’ambiente e ci fa risparmiare»

«Nuova luce a Galatone». Così il primo cittadino, Livio Nisi, commenta il progetto di relamping a led, progetto nel segno delle green ideas, che sta illuminando, con fasci di luce bianca, via XX Settembre, viale XXIV Maggio, via Aldo Moro e già da un anno via Pacifico Nico che è stata attrezzata anche con una pista ciclabile. Si tratta di un progetto di efficientamento energetico realizzato grazie a un’attenta pianificazione delle somme incassate dal Comune per l’affrancazione di terreni. Poco più di 258mila euro sono stati incassati dall’amministrazione comunale di Galatone, dal 2013 al 2016, per somme pagate su questo capitolo da chi aveva un diritto di enfiteusi per affrancare le proprietà gravate da uso civico. Somme che, in base alla legge regionale numero 17 del 1999, devono essere utilizzate per realizzare opere di interesse generale.

«La nuova illuminazione porterà un risparmio sulla bolletta  – spiega il sindaco Nisi – e rispetta l’ambiente. Sono diversi gli interventi programmati con questi fondi e vengono realizzati man mano che la Regione ne autorizza l’utilizzo. Quello dell’efficientamento energetico è un aspetto a cui abbiamo prestato molta attenzione perché permette di avere risparmi importanti. Questo intervento è solo un primo passo perché abbiamo intenzione di estenderlo a tutto il territorio comunale e ci auguriamo che la prossima amministrazione segua la strada tracciata».

Costo del progetto 52mila euro e altrettanti ne saranno spesi per il completamento della pubblica illuminazione, non appena la Regione, darà l’autorizzazione all’utilizzo dei fondi. Con questa seconda trance è previsto un intervento di ampliamento della rete della pubblica illuminazione nelle contrade Abbazia, Corillo e Barrotta. «Sono due progetti pilota – conclude il sindaco Nisi –, quello già realizzato e quello che speriamo di far partire a breve. Si riducono i consumi di energia (che già per il primo intervento hanno permesso di investire sugli impianti nelle contrade) e abbattere la CO2. Il contratto con l’attuale gestore, che scadrà ad agosto, non ci ha permesso di intervenire sul miglioramento dell’efficienza, della funzionalità e dell’economicità di gestione dell’intero impianto che, però, abbiamo già censito prevedendo l’ammodernamento dei corpi illuminanti. Questa programmazione prevede anche l’utilizzo delle armature per realizzare sistemi smart. Così rispetteremo le direttive europee che  impongono di scegliere un’illuminazione efficiente, per il settore pubblico e per le grandi aree».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...