La coerenza prima di tutto!

Sebastiano Zenobini - Foto di Vanessa Chirivì

Sebastiano Zenobini – Foto di Vanessa Chirivì 

La coerenza prima di tutto!

Ci risiamo! Scoppia il caso nichel e subito la salute pubblica torna ad essere d’attualità !

 “Sono trascorsi ben sette mesi da quando Arpa ha comunicato alle autorità competenti questo anomalo innalzamento di percentuale del nichel, in alcuni casi ben oltre i limiti di legge.”

Così scrive su Portadimare.it Giovanni Siciliano, il consigliere provinciale del PD neretino, mentre il consigliere provinciale di Galatone risulta “non pervenuto” ( che boiata “l’eliminazione” delle province!).

Che la discarica di Castellino sia una “bomba ad orologeria” è risaputo e contezza di ciò dovrebbe avere il Sindaco Nisi, per la sua esperienza come consigliere provinciale.

Se quanto scritto nel suo comunicato (“La salute prima di tutto”) dovesse essere vero, sin dall’inizio del suo mandato, coerentemente con quanto affermato, avrebbe dovuto stabilire un’intesa con il collega di Nardò per essere aggiornato su qualsiasi notizia riguardante la discarica di Castellino e concordare azioni comuni.

Come al solito, gli interventi sono sempre tardivi, a fatto avvenuto.

Infatti, soltanto dopo che è scoppiato il caso,  ha “ sostenuto la necessità di estendere i controlli anche su altri pozzi insistenti sul territorio di Galatone, avendone acquisito la disponibilità da parte di cittadini proprietari.” ! (sue testuali parole).

Ma se la salute dei cittadini è così importante, perché non ha opposto alcuna resistenza al trasferimento delle ecoballe di Cavallino, che , guarda caso, dopo la protesta dei cittadini è stato bloccato?

Perché soltanto ora si è “acquisito dalla stessa ditta la disponibilità ad eseguire ulteriori controlli sugli stessi pozzi (presenti nella discarica) e su ulteriori pozzi insistenti nell’area di pertinenza di tale discarica”?

L’affermazione è grave e mette i brividi perché rende manifesta la superficialità dell’Amministrazione Comunale nella gestione della situazione determinatasi dopo il trasferimento delle ecoballe, non prevedendo alcun piano di monitoraggio dei pozzi all’interno della discarica e limitrofi ad essa.

Infatti, guardo caso, le variazione di nichel si sono riscontrate a partire dal 2014, dopo il trasferimento delle famose ecoballe di Cavallino; sarà un caso?

Poi il Sindaco si fida dei risultati delle analisi eseguite dalla ditta REI, la stessa che ha falsificato i dati per poter avere l’ampliamento; ne prendiamo atto, è una sua scelta, non so quanto tranquillizzante per i cittadini.

La salute prima di tutto?!

Sarebbe più corretto dire “La salute dopo tutto”, perché questa è la sensazione che prevale, soprattutto dopo l’affermazione successiva, la cui gravità getta un’ombra sulle competenze del primo cittadino e potrebbe veramente generare il panico  nei cittadini, se solo questi fossero più attenti:

Considerato che, tale aumento della concentrazione di nichel, non riguarda l’acqua potabile che viene distribuita a tutti i cittadini attraverso l’Acquedotto Pugliese, ma trattasi di eventuale inquinamento di falda nella zona intorno alla Discarica di Castellino, non si è ritenuto opportuno informare tutta la cittadinanza per evitare allarmismi”.

Salvo poi aggiungere che “la concentrazione rilevata, se pur leggermente più elevata di quella consentita, è comunque da considerarsi un campanello d’allarme”.

Rammentiamo che si tratta di una zona abitata e con terreni coltivati; la presenza di pozzi intorno alla discarica lascia supporre che l’acqua della falda sia utilizzata per le coltivazioni e quindi prodotti che vanno a finire sulla tavola dei consumatori.

Se la salute deve essere posta al primo posto, cos’altro deve accadere prima che si giunga ad un piano di prevenzione? Lo sterminio di tutti i cittadini di Galatone e Nardò?

Io sono allarmato dal nichel, ma lo sono ancor di più dalla logica perversa seguita dall’Amministrazione.

Perché tutta questa omertà su dati che riguardano la salute dei cittadini?

Gli abitanti di Galatone hanno dimostrato di essere molto interessati, loro sì, alla propria salute.

Allora, perché non sostenere questa sensibilità informandoli adeguatamente su ogni aspetto afferente a ciò?

Perché la trasparenza è così osteggiata?

Se l’Amministrazione non ha nulla da nascondere perché non realizza un sito sul proprio portale nel quale riportare i dati delle analisi dell’ARPA?

Perché non rendere visibili i dati della ditta REI?

Perché non commissionare, d’accordo con il sindaco di Nardò, ad un soggetto terzo l’analisi della falda e dell’aria?

Se la salute dei propri cittadini sta veramente a cuore al sindaco, che ci dica chiaramente in cosa consiste il “monitorare costantemente la situazione in difesa della salubrità del nostro territorio perché la concentrazione rilevata, se pur leggermente più elevata di quella consentita, è comunque da considerarsi un campanello d’allarme e necessita di interventi idonei alla sua risoluzione”:

a chi è stato affidato il compito di monitorare? Con quale frequenza? I risultati saranno resi pubblici?

Questo dovrebbe dire, non affermazioni generiche che sanno di aria fritta!

Se la salute dei cittadini deve venire prima di tutto,  dica il Sindaco quali forme di intervento intende proporre per mettere in sicurezza il territorio comunale dal pericolo amianto; se i cittadini non consegnano in discarica, continueremo a tenerci l’amianto come una spada di Damocle o esistono altre opportunità?

TRASPARENZA TRASPARENZA TRASPARENZA!!!

Il Comune dovrebbe essere il luogo simbolo della trasparenza, a garanzia degli amministratori e degli amministrati.

Che la situazione sia maledettamente seria e complessa lo stiamo sperimentando sulla nostra pelle, ma proprio per questo un segnale forte sarebbe potuto essere o potrebbe essere (voglio nutrire la speranza che ciò possa ancora accadere) un consiglio comunale monotematico e aperto, in cui stimolare la partecipazione di tutti per meglio fronteggiare una criticità che va assumendo contorni sempre più tragici.

Sarebbe il minimo e, almeno questo, un sindaco responsabile sicuramente lo concederebbe!

Sebastiano Zenobini

One thought on “La coerenza prima di tutto!

  1. Leggo quanto scritto dal sig. Zenobini e mi rendo conto di quanto sia diffusa la pessima abitudine di distorcere verità già palesate per cercare di inficiare il lavoro e soprattutto le intenzioni degli avversari politici.
    NON ESISTE NESSUNA OMERTA’ E NON C’E’ NIENTE DA NASCONDERE.
    Forse non tutti riusciamo a comprenderci nella lingua italiana, ma nel comunicato stampa sottoscritto da me e dal Sindaco si legge, presumo chiaramente, che il Comune di Galatone, pur non essendo stato invitato, ha fatto espressa richiesta alla provincia per presenziare al tavolo di lavoro in cui si è discusso circa la problematica della concentrazione di nichel nei pozzi della discarica di Castellino.
    Vorrei informare il sig. Zenobini e quanti leggono che l’ARPA esegue OGNI ANNO il monitoraggio dell’acqua di pozzi scelti da esperti del settore e non dal Sindaco di turno; pozzi scelti in base alla posizione geografica e alla direzione della falda perché il monitoraggio abbia valore scientifico. Tali monitoraggi sono eseguiti da ARPA per conto della Provincia e non del Comune, per cui non ci sono dati pervenuti e non resi pubblici; ci sono dati comunicati alla Provincia e da noi prontamente richiesti ed ottenuti per opportuna conoscenza.
    Sottolineo inoltre che tali procedure e competenze sono definite dal D. lgs 152/2006, che è il Testo Unico dell’Ambiente a cui tutti dobbiamo attenerci e che forse sfugge alle conoscenze approfondite del sig. Zenobini.
    Quindi è un impegno volontario quello del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale di chiedere che i controlli vengano estesi sui pozzi insistenti il territorio di Galatone, per la sicurezza di tutti i nostri cittadini.
    Del resto un’aumento della concentrazione di nichel di 0,05 μg/l (1μg= 1 milionesimo di grammo) è un lieve superamento del livello di soglia consentito (20 μg/l), che va monitorato e compreso per intervenire in maniera efficace ed eliminare la fonte di inquinamento ma non certo si tratta di concentrazione tale da determinare l’epilogo tragico dello sterminio di tutti i cittadini come paventato dal sig. Zenobini (e poi ditemi se questo non è terrorismo psicologico!!!).
    Inoltre, poiché non è possibile stabilire cause ed effetti se non con un monitoraggio continuo, mi chiedo come sia possibile pretendere risposte dal Sindaco se ancora i dati dei monitoraggi di Ottobre 2015 non sono noti e nemmeno gli esperti si sono ad oggi espressi in maniera definitiva e provata circa le cause e le responsabilità di tale concentrazione.
    Si rimane ancora più allibiti da tutto ciò se si pensa che lo stesso Zenobini ha partecipato alla commissione controllo in cui è stata ulteriormente spiegata la situazione e sono stati da me stessa portati i risultati dei monitoraggi effettuati dall’ARPA negli ultimi dieci anni, ricevuti dopo opportuna richiesta.
    E il sig. Zenobini si chiede anche cosa abbiamo intenzione di fare dopo che nella stessa riunione si è deciso di effettuare ulteriori analisi sui pozzi insistenti il territorio di Galatone ed io stessa mi son presa l’onere di contattare per questo l’Università del Salento che ha già dato la disponibilità ad effettuare le analisi e siamo in attesa del preventivo delle stesse……..ma forse in quel momento il sig. Zenobini si era distratto!
    Concludo dicendo che possiamo anche essere avversari politici, ma per quella che è la mia e la nostra morale, non saremo mai avversari di nessuno sul piano umano perché prima di essere amministratori siamo cittadini come tutti gli altri e come abbiamo già scritto “la salute, in quanto pubblica, coinvolge tutti”!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...