Al Combattente

“Al Combattente” di Enrico Longo                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Al Combattente

 

Che cosa ti spinse

nei tuoi anni verdi

lontano dai libri, dai campi,

dal mondo dorato dei sogni,

dal caldo del tuo focolare

incontro al fucile,

il tuo nobile cuore a tradire:

a chiamare nemico il fratello?

 

Lasciasti la madre, la sposa

struggenti in quell’ultimo abbraccio

e il padre che , privo di pianto,

vedevi più vecchio, più stanco.

Corresti a quel forte richiamo,

sereno ad incerto futuro,

perché nel tuo animo puro

pensavi alla Patria soltanto.

 

Vedevi le strade, le spiagge,

la gente, le chiese, le arti,

le glorie lontane,

il sorriso dei bimbi:

l’amato paese.

No, niente poteva fermarti:

per quanto tu amavi e sentivi

eri pronto a donarti.

 

Italia,

che per monti e pianure ti stendi, sì come regina,

che delle tue glorie ti vanti,

del grande passato,

che godi il profumo dei fiori,

del prossimo mare l’odore,

onora il tuo combattente,

ricorda il suo atto d’amore!

 

Enrico Longo

 

31 ottobre 1996

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...