SOLENNE TRIDUO in onore di Sant’Anna – primo giorno – 23 luglio 2015

SOLENNE TRIDUO in onore di Sant'Anna - primo giorno - 23 luglio 2015

SOLENNE TRIDUO in onore di Sant’Anna – primo giorno – 23 luglio 2015 

Galatone (Le) – 23 luglio 2015 – SOLENNE TRIDUO in onore di Sant’Anna – primo giorno con la benedizione dei nonni – Santa Messa presieduta da Don Fabio Toma (Vicario Parrocchiale in San Domenico a Casarano), concelebrano Mons. Antonio Resta e il parroco Don Pierluigi Strafella – Podcast audio a cura di Mauro Longo

PAOLO RUFFINI SHOW a Galatone (Le)

Galatone (Le) – 20 luglio 2015 – Piazza SS. Crocifisso – PAOLO RUFFINI SHOW – Evento organizzato dalla “Compagnia Teatrale Civico 20” – Nel video l’intervista di Mauro Longo a Paolo Ruffini e alcuni momenti dello show – Riprese dell’intervista a cura di Federica Pano

Paolo Ruffini Show a Galatone (Le) - Foto di Vanessa Chirivì

PAOLO RUFFINI SHOW a Galatone (Le) – Foto di Vanessa Chirivì 

Album Fotografico a cura di Vanessa Chirivì:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.812123732228755.1073741958.557386517702479&type=3

10° Festival Nazionale del Cortometraggio “Gabriele Inguscio”

Galatone (Le) – 17 e 18 luglio 2015 – Palazzo Marchesale – Decima edizione del “Festival Nazionale del Cortometraggio Scolastico e per giovani filmaker Gabriele Inguscio” – Interventi di Teresa Gatto (Presidente Associazione Culturale “Gabriele Inguscio”), Livio Nisi (Sindaco di Galatone), Antonello Novellino (regista), Nicola Ragone (regista), Ettore Bassi (attore) e Attilio De Razza (produttore) – Video di Mauro Longo

10° Festival Nazionale del Cortometraggio Gabriele Inguscio -Foto di Vanessa Chirivì

10° Festival Nazionale del Cortometraggio Gabriele Inguscio -Foto di Vanessa Chirivì 

Album Fotografico a cura di Vanessa Chirivì:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.811329892308139.1073741955.557386517702479&type=3

“Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni

Galatone (Le) – 19 luglio 2015 – Atrio Palazzo Marchesale – Ti presento l’Opera… appuntamento con la “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni – con Artisti del “Coro di Lecce” diretti dal maestro Emanuela Di Pietro – Con la Regia di Marco Trevisanello e con Herbert Hoffman, Nevila Matja, Giorgio Schipa, Marinella Rizzo, Loredana Agostinacchio – Al pianoforte il maestro Eklan Hasa – Video di Mauro Longo

Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni a Galatone - Foto di Vanessa Chirivì

“Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni a Galatone – Foto di Vanessa Chirivì 

Album Fotografico a cura di Vanessa Chirivì:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.811803398927455.1073741956.557386517702479&type=3

“Il mondo della luna” personale di Franco Baldassarre

Galatone (Le) – 18 luglio 2015 – Palazzo Marchesale – Inaugurazione della mostra personale “Il mondo della luna” del maestro Franco Baldassarre – Interventi di Franco Baldassare, Giovanni Laudizi e Mario De Marco – Video di Mauro Longo

Il mondo della luna personale di Franco Baldassarre - Foto Vanessa Chirivì

“Il mondo della luna” personale di Franco Baldassarre – Foto Vanessa Chirivì 

Album fotografico a cura di Vanessa Chirivì:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.811326118975183.1073741954.557386517702479&type=3

La Santa Messa – 19 luglio 2015

La Santa Messa - 19 luglio 2015

La Santa Messa – 19 luglio 2015 

Galatone (Le) – 19 luglio 2015 – Chiesa dei Cappuccini –  La Santa Messa – celebra Mons. Antonio Resta, concelebra il parroco Don Pierluigi Strafella – Podcast audio a cura di Mauro Longo

“DUE BRUCHI” di Antonio Resta

"DUE BRUCHI" di Antonio Resta

“DUE BRUCHI” di Antonio Resta 

DUE BRUCHI

In un intervallo del loro lavoro, si incontrano due bruchi.

Un atto di normale presentazione: io, baco da seta!

– Piacere! Io, bruco da cavolo!

– Ho sentito bene? Da cavolo?

Quello da seta cominciò a gonfiare il petto.

Dopo il convenevole d’inizio, prassi voleva, e vuole, che si passasse alla domanda sul lavoro o sulla professione esercitata: i convenevoli erano finiti, tutte le regole della buona creanza erano state osservate.

– Hai detto baco da seta: e che significa?

– Un lavoro, penso, nobile e, naturalmente, redditizio.

– Hai detto bene. Il mio prodotto è tra i più fini e i più ricercati. La sua dimora abituale è tra le regge, i palazzi dei nobili e dei ricchi. Le sue quotazioni sono altissime: con i tempi che corrono, solo gli sceicchi possono permettersi di comprarlo. Senza aggiungere, ma in fondo è un corollario a quanto detto, che è abbigliamento sontuoso di regine, principesse, star dello spettacolo, e via elencando.

Sempre per riferirmi agli sceicchi, pensa ai loro harem, con tutte quelle donne! E sì che non vestono da poveracce! Lo sai che ti dico? Che quasi quasi mi daranno la cittadinanza onoraria e, da cinese, diventerò araba, tanto è pure di moda!

Il bruco del cavolo stava ad ascoltarlo, confuso da una presentazione così elevata e così ricca di referenze. Soprattutto andava in cerca di motivi che potesse contrapporre a tanti titoli d’onore.

Scartò immediatamente le notizie sulla sua dimora anche se, forse forse, neppure il baco da seta le avrebbe potuto ignorare: non era anche lui nato sotto il cavolo?

Lo negasse, poi gli farei vedere io, da testimone diretto, come la sua dimora iniziale non era per niente differente dalla mia abituale: era lì, infatti, che dimoravo permanentemente e il mio cibo era il corrispondente.

Mi venne, come un lampo, un’idea che poi non fu per niente male.

– Senti, baco nobile, ma, sii sincero: quante volte nei discorsi che vogliono essere educati e corretti, si cita il tuo nome?

Mi spiego: io mi sento continuamente nominare e, almeno per quanto riguarda la mia dimora e il mio cibo contribuisco, e non poco, a far evitare una parola indecorosa.         Alle corte: quante volte si dice: che seta dici, o non piuttosto: che cavolo dici? Oppure: è una cavolata! Mai che abbia sentito dire: è una setata!

Come vedi, la tua professione sarà nobile, ma il mio contributo alle buone creanze, al galateo, non è da meno.

Il baco da seta, davanti ad argomenti così stringenti, si accorse che non c’era da opporre nessuna obiezione: di fatto, venne zittito.

Si strinsero la mano concludendo con il rituale: tanti saluti alla tua moglie bachessa! E tu, alla tua moglie brucacchia! (variante dialettale salentino: dell’italiano porcacchia).

Ritornarono al loro lavoro: quello che li accomunava e che non dava adito ad alcuna vanteria: l’uno, perpetuamente assetato; l’altro, perennemente incavolato!

   Antonio Resta