La lezione del voto – La Postilla n. 192

     LA POSTILLA N. 192 

    La lezione del voto

 Non intendo aggiungere le mie analisi allo straripante chiacchiericcio dei critici di professione e dei tanti aspiranti stregoni. Soltanto qualche piccola considerazione, fatta sottovoce e in tutta umiltà. Nella speranza che possa tornare utile a qualcuno.

Ogni risultato elettorale ha una sua logica e una valida giustificazione. I numeri sono numeri e dicono sempre la verità. Mettono a nudo pregi e difetti, scelte giuste o sbagliate, e offrono utili ammaestramenti. A chi sa e vuole leggerli.

I numeri dicono che ha vinto il PD, che ha offerto il lato migliore di sé, fatto, almeno all’apparenza, di democrazia interna, unità e omogeneità della proposta politica. Ha vinto il governo, impegnato in un programma di riforme coerente con la situazione reale e le attese dei cittadini. E ha vinto Renzi, che in seno all’uno e all’altro ha saputo tenere dritta la barra, superando ostacoli e difficoltà che venivano a prodursi in quantità industriale. Ci hanno provato in tanti a mettergli i bastoni tra le ruote, nulla però ha scalfito l’azione decisa e chiara del leader, che ha saputo esorcizzare le flebili voci degli avversari interni, sobillati forse dal burattinaio di sempre, e indovinare le strategie giuste per fronteggiare la minacciosa onda grillina, che aveva travolto il timido patetico Bersani. “Grillo va sfidato e non implorato”, diceva, e contro il turpiloquio gridato e inconcludente non poteva non risultare vincente la strategia del parlar chiaro e diretto, indicando problemi e prospettando soluzioni.

Ecco la prima lezione che deve risultare chiara. Non basta gridare, insultare, demolire l’avversario. La gente è stanca di tutto questo, e tale stanchezza è particolarmente pesante in un periodo in cui la crisi ha i connotati concreti della povertà, della difficoltà di affrontare la sfida della sopravvivenza. La fame e la sofferenza sono cose serie; non avere neppure il minimo da offrire ai figli sa di dramma e non spinge certamente alla risata. Ha sbagliato tutto Grillo che, accecato dall’arroganza e dalla supponenza, ha ritenuto addirittura di adombrare purghe e marce su Roma, e si è troppo illuso per le folle che riempivano le piazze. L’avanspettacolo dura lo spazio di una sera e non paga sul piano elettorale. La gente pretende concretezza e tempestività delle risposte, quelle che ha ritenuto di ritrovare nelle promesse e nelle azioni del primo ministro. Se Renzi saprà passare dalle parole ai fatti, dando attuazione al programma di riforme, anche per la forza ricevuta dal consenso elettorale, sicuramente farà i suoi e i nostri interessi.

Non ha capito la lezione, almeno a giudicare dalle prime mosse, il partito di Berlusconi, che si muove tra dietrologia e clamorosi errori strategici. La prima ragione della sconfitta, secondo tanti dei devoti scudieri, sarebbe stata l’assenza del leader dalle liste, cosa che avallerebbe le pretese dinastiche, ultimamente accantonate, e poi l’ingratitudine di Alfano, colpevole di chissà quali colpe e non della legittima aspirazione di far parte di un partito finalmente adulto e democratico al suo interno.

Puntare sull’intelligenza di Salvini per ricoagulare il centrodestra e sugli industriali del nord per creare lavoro: queste le prime ipotesi per il rilancio. Ripartire dal Nord e dalla Lega, separatista e ladrona, per un progetto che evidentemente vedrebbe il Sud relegato a semplice serbatoio di voti. Con buona pace del pallido Fitto, che di voti ne prende regolarmente a vagonate per andarli a consegnare a persone che della sua terra non sanno che farsene. Deve darsi una mossa, Fitto, non può restare grigio gregario e servo ubbidiente dei diktat di un leader sconfitto e superato. Non può accettare che tengano le redini del partito persone come la Gelmini, che sembra avere la virtù di distruggere tutto quello che tocca, com’è accaduto con la scuola pubblica, o come l’inconsistente Toti, giornalista, capacissimo nel prendere appunti: ordini e direttive del capo indiscusso. La politica non è solo vetrina, non semplice attesa che qualcuno riconosca i meriti e paghi il giusto. Prenda, invece, le redini del centrodestra meridionale e vada avanti con programmi, coraggio e decisione. E altrettanto, dall’altra parte, faccia Emiliano di fronte a eventuali incertezze del Governo nei confronti dei problemi delle nostre terre. Due leader, due partiti e un unico progetto. Il Sud non può attendere oltre, deve acquisire il coraggio della volontà e delle idee per essere protagonista della sua storia e di quella del Paese.

Ebbro di soddisfazione per l’eclatante risultato del sei per cento, Salvini preparerebbe la marcia al Sud e in Sicilia. A far che risulta oggettivamente incomprensibile. Probabilmente ha chiare in testa le idee, questo signore, ed è sicuramente abile se è riuscito a coprire le incredibili ruberie e malefatte dei “lumbard” e ripresentare la sua Lega come luogo di virtuose educande. Esportare le nobili ideologie e i programmi della sua squallida combriccola? Proporci di collaborare nel respingere con violenza gli immigrati, uscire dall’Europa, prestare i nostri territori quali discariche delle industrie del nord, offrire le nostre coste alle sonde e alle tubazioni per gasdotti e diavolerie di ogni genere, disseminare i campi di pale eoliche e di pannelli fotovoltaici? Conosce poco o nulla delle nostre terre, il Salvini, del nostro mare, della bellezza e varietà del paesaggio; conosce ancor meno della nostra storia, dell’arte e della cultura. Inviterei a preparargli l’accoglienza che merita a questo signore: potrebbe risultargli utile per vedere più chiaro in politica e nella vita.

Un’Europa incompiuta, egemonizzata dalla Germania e centrata sulle logiche del “fiscal compact” non poteva pretendere risposte diverse da quelle uscite dalle urne. Sinora dell’Europa abbiamo conosciuto soltanto gli effetti peggiori: il dimezzamento del potere d’acquisto di stipendi e salari, i limiti imposti all’agricoltura e alla produzione di latte, le continue penalità per nostre mancanze organizzative, la solitudine di fronte ai flussi immigratori. Spiegabili dunque e consequenziali, il successo degli euroscettici e l’avanzare dei nazionalismi.

Strane alleanze dunque in nome della fine dell’U.E. e della moneta unica: Grillo, che strilla e non sa che vuole, stringe alleanza con Farage, il leader dell’UKIP, che dal 1993 insegue l’unico chiaro obiettivo di vedere il regno Unito fuori dall’Europa; Salvini, autonomista e indipendentista, stringe un patto d’acciaio con la nazionalista Le Pen. Insomma di tutto e di più per risolvere le difficoltà dei popoli. “Basta Europa” è lo slogan di successo, non lo sforzo comune di recuperare e realizzare il sogno dei padri fondatori, dei vari Adenauer, De Gasperi, Schuman, Churchill, Bech, Spinelli, che videro nell’Europa Unita l’unico strumento di pace duratura e di benessere.

Più Europa e non la sua fine è invece la soluzione auspicabile, far funzionare meglio gli organismi e centrare l’attenzione sui popoli, sui bisogni reali della gente, sul lavoro, la salute, l’istruzione, la solidarietà. Troppo poco si è parlato di queste cose nei dibattiti e nei comizi, e tante banalità sono state veicolate attraverso i manifesti. Ho molto apprezzato, invece, le parole di Casilli, in entrambi i comizi, fatti prima e dopo le votazioni, per aver sottolineato il valore ideale dell’idea federativa, che ha assicurato decenni di pace e che promette un futuro di sviluppo e di benessere, se gli stati membri, che hanno importanza e ruolo, sapranno dare la svolta verso forme più significative di integrazione.

Le votazioni europee dicono qualcosa anche in merito alla situazione politica della nostra cittadina. I partiti che sostengono la maggioranza escono fortemente ridimensionati; quelli del centrosinistra, invece, raccolgono un importante successo. Sapranno, gli uni e gli altri, interpretare correttamente i risultati e assumere le decisioni più opportune? Nisi può fare spallucce o deve responsabilmente interrogarsi su tutto quanto fatto sinora? E a sinistra ci si limiterà a invitare il sindaco a farsi da parte o si cercheranno altre più comprensive strategie? Queste le osservazioni che mi vengono spontanee.

Il centrosinistra deve dare solido fondamento al successo ottenuto perseguendo la via già intrapresa dell’unità, della vicinanza alla gente e della concretezza dei programmi. Il PD, in particolare, deve decisamente puntare sui giovani e rinunciare definitivamente ai tradizionali bizantinismi, fatti di saccenteria e di volontà di spaccare il capello in quattro. Si muore anche di democrazia, se questa viene interpretata come necessità di dire comunque qualcosa di diverso e di dover programmaticamente dissentire. I giovani di SEL, da parte loro, vadano avanti secondo i programmi e le azioni che li vedono da qualche tempo significativi protagonisti della vita politica e sociale.

Nisi non può far finta che niente sia successo. I numeri, come detto, non sbagliano e raccontano, senz’ombra di dubbio, di una maggioranza che non è più maggioranza. Dove si è sbagliato, se si è sbagliato, e dove intervenire per recuperare il consenso?

Potrei dire, di passaggio, che Nisi dovrebbe forse prestare maggiore attenzione alle critiche oneste più che contare sui facili panegirici dei fedelissimi. Nessuno può ignorare le tante cose fatte dalla sua giunta, sulle quali mi sono più volte fermato nelle precedenti postille, ma la sensibilità della gente è colpita, in questo periodo di crisi, soprattutto dalle cose non fatte o dagli errori nelle scelte. Tasse, assistenza, ambiente sono le critiche ricorrenti, contro le quali il sindaco si è accoratamente difeso in un recente comunicato, risultato evidentemente non convincente.

E allora che fare? Seguire la provocazione dell’opposizione e tirare i remi in barca? Direi proprio di no: c’è tempo e spazio per rimediare. Suggerirei, invece, di lanciare una capillare campagna di ascolto e operare di conseguenza. Ricercare ogni occasione per stare più vicino alla gente, individuarne i più intimi bisogni, condividerne meglio difficoltà e ansie e fare di tutto per alleviarne il peso concentrando sull’assistenza e la solidarietà ogni possibile risorsa. Astenersi dalle tentazioni dell’apparire, che generano più critiche che consensi e che non lasciano traccia nel tempo. Prendere a cuore i problemi ambientali e agire con coraggio e determinazione senz’attendere che siano gli altri ad assumersi le responsabilità. Marciare tra la gente e con la gente contro ogni tentativo di attentare alla bellezza e alla salute del territorio. E non trascurare di procedere costantemente a una severa autocritica sulla propria azione di governo, avendo quale parametro unico di riferimento l’interesse immediato dei cittadini e le prospettive di sviluppo del territorio. Ciò detto, mi fermo qui, credo di aver detto abbastanza.

Enrico Longo

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...